/ Valle Olona

Che tempo fa

Cerca nel web

Valle Olona | 21 aprile 2021, 09:38

I volontari di Olgiate Olona all'hub vaccini: «Il grazie delle persone la più grande ricompensa»

La protezione civile sempre in prima linea, in quest'anno di emergenza sanitaria. Anche il gruppo di Olgiate Olona non fa differenza. Ora i volontari della coordinatrice Martina Farioli sono impegnati nel servizio all'hub vaccini di Busto. «Stanchi ma felici. Un'esperienza intensa e appagante»

I volontari della Prociv di Olgiate Olona a MalpensaFiere, all'opera all'hub vaccini di Busto

I volontari della Prociv di Olgiate Olona a MalpensaFiere, all'opera all'hub vaccini di Busto

La protezione civile sempre in prima linea, in quest'anno di emergenza sanitaria. Anche il gruppo di Olgiate Olona non fa differenza; nei mesi scorsi, i volontari hanno consegnato la spesa a chi si trovava in quarantena, i farmaci a chi non poteva uscire di casa, sono intervenuti per sostenere la cittadinanza in tutte le situazioni di necessità.

Da qualche settimana sono anche impegnati in un nuovo compito: prestare servizio all'hub vaccini di MalpensaFiere. C'è chi aiuta a direzionare il traffico intorno alla struttura, chi si occupa di seguire e accompagnare ai “box” chi ha appuntamento per il vaccino.

«Stiamo vivendo un’esperienza unica – spiega la coordinatrice della Protezione Civile olgiatese Martina Farioli – in questo periodo ad essere vaccinati sono soprattutto gli anziani e capita spesso che si entri in contatto con persone che colgono l’occasione di raccontarti “tutta la loro vita” in qualche minuto, perché dopo mesi hanno bisogno di questo tipo di contatto. Stiamo vedendo il lato più umano delle persone: alcuni hanno paura e la necessità di essere rinfrancati e rassicurati, altri invece esorcizzano la situazione con una battuta e ti ritrovi a ridere con loro sino a che non arriva il momento di accompagnarli ai box».

Per i volontari questa si sta rivelando un’esperienza intensa e appagante, anche solo prestando un braccio su cui appoggiarsi per raggiungere il punto vaccinale o quell’ascolto mai così tanto necessario per chi ha trascorso mesi da solo.

«Le mie origini sono bustocche – prosegue Martina Farioli – quando qualcuno che viene da Busto legge il mio cognome sulla targhetta, inizia ad interrogarmi per capire chi siano i miei parenti; spesso da questa piccola cosa sono nate conversazioni che mi hanno portato ad ascoltare aneddoti singolari sui miei nonni e bisnonni».

A giudicare dai commenti di chi si sta recando a MalpensaFiere per ricevere il vaccino, gli sforzi e l'opera di tutti stanno pagando: «In tanti ogni giorno ci ringraziano per l’organizzazione e la gentilezza dei volontari – sottolinea Katia Tovaglieri – per noi queste parole valgono più di qualsiasi ricompensa; siamo stanchi ma felici, perché questa è la prova più concreta del fatto che stiamo riuscendo a renderci utili».

Loretta Girola

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore