/ Busto Arsizio

Che tempo fa

Cerca nel web

Busto Arsizio | 25 aprile 2021, 12:41

Busto guarda al 25 Aprile per ripartire più forte e unita. GUARDA I VIDEO

Deposizioni di corone e discorsi intensi alla manifestazione. Il sindaco Antonelli: «Non paragoniamo a ciò che succede oggi, allora si combatteva per la libertà, oggi per cosa si può prendere questo virus per un aperitivo?». Monsignor Pagani: «Riflettere su libertà e democrazia, passando dalla comunicazione». Losa (Anpi) ricorda Giannina Tosi e Gian Battista Roggia. Il presidente Mariani: «La storia è nelle vie della città»

Momenti e tappe della cerimonia ufficiale del 25 Aprile a Busto

Momenti e tappe della cerimonia ufficiale del 25 Aprile a Busto

È un 25 Aprile ritrovato a Busto, vissuto più a fondo compatibilmente con le restrizioni. Ma la città che ha dato l'annuncio della Liberazione a tutto il Paese via radio nel 1945, non poteva oggi non guardare al passato per costruire anche il futuro dopo questo anno difficile.

Di qui le cerimonia, seguite dalla cittadinanza pur nel rispetto delle regole. E i discorsi, molto intensi, al tempio civico. La tentazione di paragonare ciò che accade oggi a ieri c'è, è comprensibile ma va respinta.

Il sindaco Emanuele Antonelli anzi ha detto: «È inutile fare questo paragone. Perché oggi per cosa si può prendere questo virus, per un aperitivo? Con tutte le precauzioni ci si può salvare. Allora no, si combatteva e per la libertà». Concetti ribaditi dal presidente dell'Anpi Liberto Losa che ha voluto anche ricordare il ruolo decisivo, riconosciuto, di Busto e due persone in particolare, tra tutte: «Giannina Tosi e Gian Battista Roggia. La Resistenza è stata importante perché è stata lotta di popolo, tutti uniti, operai e industriali, nella nostra città senza divisioni di carattere sociale o ideologico. Un popolo che voleva cominciare a contare, a partire dalle donne».

Forte anche il richiamo di monsignor Severino Pagani: «Vorrei raccogliere da questo momento un invito, quasi un anelito pedagogico per il futuro. Che cosa possiamo imparare oggi?». E ha invitato a riflettere sulla libertà e sulla democrazia, partendo da una comunicazione che non sia divisiva e volgare. 

Il presidente del consiglio comunale Valerio Mariani ha ribadito come la storia della Liberazione sia nelle vie di Busto e le nuove generazioni siano più attente di quelle di mezzo. Si è ricordato che quest'anno cade il decimo anniversario della scomparsa di Angioletto Castiglioni, ex deportato e grande testimone della Memoria tra i giovani.

TUTTI I DISCORSI 

 

IL DISCORSO DEL SINDACO

IL DISCORSO DEL PREVOSTO

IL DISCORSO DI LOSA

IL DISCORSO DEL PRESIDENTE MARIANI

 

 

LA CERIMONIA AL MONUMENTO AI CADUTI 

 

 

Ma. Lu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore