/ Valle Olona

Che tempo fa

Cerca nel web

Valle Olona | 27 aprile 2021, 09:30

Con la maxi-variazione al bilancio si anticipa la “Gorla Maggiore del 2030”

Nella serata di consiglio comunale sono stati approvati il Rendiconto di Gestione 2020 e una variazione di 5 milioni di euro. «Vogliamo stringere i tempi» ha detto l'assessore al Bilancio, Renato Grazioli. Si tratta dei progetti di rigenerazione che interessano il cortile interno del comune e il parco “della meridiana”, oltre al polo delle emergenze sede della protezione civile

L'assessore al bilancio e vicesindaco, Renato Grazioli

L'assessore al bilancio e vicesindaco, Renato Grazioli

Nella serata di consiglio comunale sono stati approvati il Rendiconto di Gestione 2020 e una maxi variazione, contestuale al Dup, di ben 5 milioni di euro. Il tutto perché «vogliamo anticipare i tempi e realizzare la Gorla Maggiore del 2030» ha sottolineato il vicesindaco e assessore al Bilancio, Renato Grazioli.

Si tratta, principalmente, dei progetti di riqualificazione e rigenerazione (sono stati chiesti circa 2 milioni di euro di fondi regionali) che interessano il cortile interno del comune e il parco “della meridiana” in via Verdi, collegati tra loro da un percorso pedonale protetto che coinvolgerà anche la scuola elementare e la biblioteca.

A questi interventi, l'amministrazione del sindaco Pietro Zappamiglio intende aggiungere, e avviare già nel 2021, il secondo lotto di lavori alla sede della protezione civile in via Togliatti (che assumerà sempre più le sembianze di un polo delle emergenze) e la sistemazione dello stabile abbandonato di via Candiani, per trasformarlo nella sede dell'archivio comunale.

«Indipendentemente dai contributi regionali – ha specificato Grazioli – i soldi ci sono, e li impegniamo proprio questa sera su “Gorla 2030”».

L'assessore al Bilancio ha spiegato che la variazione è sostenuta, in larga parte, dall'avanzo libero (4 milioni di cui l'ente può usufruire). Inoltre, su ogni stabile comunale (dall'area feste al palazzetto dello sport, dalla Torre Colombera al centro diurno integrato, alle scuole e al palazzo dell'Assunta) sono stati previsti 50 mila euro di interventi urgenti e straordinari con la corposa e sostanziosa variazione al bilancio di previsione 2021-2023. «Per evitare di correre dietro a delle emergenze che, in quanto tali, si manifestano. In questo modo potremo intervenire subito. E se questi fondi non dovessero servire, ritorneranno nell'avanzo di amministrazione». Il vicesindaco, che ha catalizzato la seduta di consiglio comunale («due volte l'anno, vi tocca»), ha condiviso anche l'invito della capogruppo di minoranza, Maria Rita Colombo, alla collaborazione. «Sono progetti importanti - ha detto Grazioli - che devono essere analizzati con la massima partecipazione di tutti, perché vanno a trasformare i servizi, nell'ottica di una migliore fruibilità, e a rendere più bello il nostro paese».

La variazione al bilancio di previsione è stata approvata con i voti favorevoli della maggioranza e l'astensione delle minoranze.

Prima, l'approvazione del Rendiconto di Gestione 2020. Renato Grazioli ha elencato gli interventi nel campo della sicurezza (dall'installazione dei sei varchi di lettura targhe al potenziamento del sistema di videosorveglianza comunale), dei lavori pubblici (con la realizzazione principale del nido e la sistemazione della scuola materna, oltre alla prosecuzione dei lavori al Palazzo Comunale), della cultura (con le letture animate in piazza, in biblioteca, le serate musicali e i concorsi durante il lockdown) e del sociale (con l'attivazione del Coc, dell'assistenza domiciliare e di tutte quelle misure per fronteggiare le fragilità e le situazioni – vecchie e nuove – di difficoltà delle famiglie).

«È un rendiconto – ha sottolineato il capogruppo di maggioranza, Antonio Agostino Ninone, nella dichiarazione di voto – che porta indelebile la firma di questa maggioranza anche nelle notevoli risorse destinate a ragazzi e giovani non solo rispetto al tempo libero e a chi è più fortunato. L'anno che ci lasciamo alle spalle sarà difficile da dimenticare. “Anche se il timore avrà sempre più argomenti, tu scegli la speranza”. Abbiamo l'obbligo di fare nostre queste parole di Seneca. Vogliamo leggere questo rendiconto come un segno di incoraggiamento per il nostro paese, un segnale di forza e conforto per tutti».

Alessio Murace

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore