/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 02 maggio 2021, 19:41

IO CUORE INTERISTA. Nerazzurri campioni, lasciamoci alle spalle gli psicodrammi. Per dire una sola cosa: «Inter, ti voglio bene»

Quando vinciamo è sempre un'ottima notizia per chi ama il balun. Soprattutto per chi ama leggere e parlare di pallone perché le vittorie dell'Inter sovvertono le narrazioni, obbligano a provare a raccontare qualcos'altro

(foto dalla pagina Facebook dell'Inter)

(foto dalla pagina Facebook dell'Inter)

L'Inter è campione d'Italia e andiamo dritti al punto: quando vince l'Inter è sempre un'ottima notizia per chi ama il balun. Soprattutto per chi ama leggere e parlare di pallone: perché le vittorie dell'Inter sovvertono le narrazioni, obbligano a provare a raccontare qualcos'altro. Perfino noi interisti siamo costretti a usare parole diverse, a lasciare chiusi a chiave gli psicodrammi, i crisiInter, il perdentismo e tutta quella pletora di espressioni che ammorbano i tavoli dei bar, i tweet degli insiders, i titoli dei giornali e i corsivi dei soloni. Che sollievo.

Ci hanno provato tutti quest'anno: il summit di Villa Bellini, che sanciva la fine ancora prima di iniziare; i cinesi che se ne fregano; il maestro Pirlo del calcio liquido; Piolisonfire, il dio Ibra e il loro Milan dei miracoli; senza ricordare l'uscita dalla champions, un presunto dramma, visto che – a memoria – di squadre italiane che la accoppiano agli scudetti ne ricordo una, negli ultimi vent'anni.

Hanno provato a giustificare le vittorie coi cinque cambi (!), coi pochi casi di covid (!), col “palla a Lukaku” e basta, con l'uscita dalle coppe che aiuta (e in una settimana sono uscite tutte).

Ci hanno provato tanti interisti, quelli dell'anno sabbatico per non sporcare il loro senso etico, pronti a non perdonare nulla all'ex gobbo Conte, dimenticandosi chi fuggiva nella notte di Madrid o chi, sempre in quella notte, adombrava incertezze sul suo futuro nerazzurro dopo aver segnato una storica doppietta.

Adesso bisogna fare piazza pulita in fretta di questi chili di inchiostro. Perché è uno scudetto lapalissiano, in super-rimonta sul Milan (non pensavamo fosse così bello), con la Juve sempre dietro, così come tutti i maestri del bel calcio, e noi con in panchina uno che era dipinto come l'ultimo dei cretini, uno che non capisce nulla di balun, un ex gobbo infiltrato per farci perdere.

Ma, in fondo, perché cancellare questi anni di narrazioni? Restino pure quei chilometri di parole; anzi: ricordiamocele. Inebriati da questa sensazione, non ricordiamo neanche più perché stiamo scrivendo. Volevamo solo dire: Inter, ti voglio bene.

Luca Ielmini


Vuoi rimanere informato sulla Pro Patria e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 347 2914992
- inviare un messaggio con il testo PRO PATRIA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PRO PATRIA sempre al numero 0039 347 2914992.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore