/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 28 maggio 2021, 07:30

«C'è una fiducia da ricostruire». Così società e tifosi fecero credere ancora nella Pro Patria

Al nostro talk show "Stadio Aperto" l'associazione 100 anni di Pro racconta come si mise in pista per ricompattare un mondo travagliato da troppe vicissitudini. Il punto di incontro, i tigrotti che quest'anno hanno mandato il loro messaggio in tutt'Italia. Con tanti saluti, cominciando da Paolo Tramezzani. Presto un'iniziativa nelle scuole

«C'è una fiducia da ricostruire». Così società e tifosi fecero credere ancora nella Pro Patria

C'era una Pro Patria che aveva lasciato profonde ferite tra i tifosi: bisognava ricompattarli e ridare loro fiducia. Così nacque l'associazione 100 anni di Pro.

C'era una Pro Patria, che era stata troppo sballottata. Così una presidentessa coraggiosa seppe prenderla per mano, costruire lo staff di giusto e metterla al centro anche del campionato dei valori.

Due lati di una stessa medaglia, quella della fiducia, sono stati messi a fuoco giovedì sera a Stadio Aperto, il talk show della nostra testata, con due protagonisti in video: l'associazione, appunto, e Nicolò Ramella, responsabile della comunicazione della società biancoblù nonché autentico vulcano tigrotto. Si è ripercorso questo campionato pazzesco, congedandosi da figure come quella di Federico Gatti, che giustamente va in serie B. Ma anche quei sei anni che videro l'associazione (presenti Lorenzo Pisani e la moglie Pamela Carezzato) ricostruire con tenacia l'ambiente tigrotto e preparare il terreno a questo grande volo.

Prima della conversazione, però, l'omaggio, commosso e condiviso, alle vittime del Mottarone.

Poi subito la sorpresa che grida l'unicità di questo ambiente: il forza Pro (e tifosi) di Paolo Tramezzani.

GUARDA IL VIDEO

Questa Pro diversa dagli altri, anzi ritrovata. Viene dal coraggio appunto di Patrizia Testa, ma anche dal suo staff. Che sono i giocatori, e non solo, perché anche chi sta dietro le quinte fa la sua parte, e decisiva. Anche commuovendosi, confessa Ramella. 

GUARDA IL VIDEO

Non esiste un lavoro, punto. Esiste una professionalità, certo, ma che non teme di nutrirsi di rapporti umani. E i calciatori, a partire da capitan Riccardo Colombo, lo sentono.

GUARDA IL VIDEO 

L'associazione 100 anni di Pro domenica si scioglierà ufficialmente, con una festa ridimensionata dalle normative Covid, ma la sua passione continuerà a riversarsi sui tigrotti.

«Vogliamo tornare a fare i tifosi - dice Pamela Carezzato- che voglia di tornare allo stadio».

GUARDA IL VIDEO

Si è fatto tanto del bene in questi anni e si continuerà a farlo fino all'ultimo, e anche oltre. 

GUARDA IL VIDEO

Ecco il grazie della Casa di Chiara, ma poi il messaggio delle Cuffie colorate e altra riconoscenza scorre. 

A cominciare da quella di Busto: grazie Pro e tifosi, perché adesso in Italia ci conoscono per la città dei valori, quelli veri. Avanti così. A proposito, c'è già una nuova iniziativa del vulcano Ramella: riguarderà le scuole.

GUARDA L'INTERA PUNTATA

Marilena Lualdi


Vuoi rimanere informato sulla Pro Patria e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 347 2914992
- inviare un messaggio con il testo PRO PATRIA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PRO PATRIA sempre al numero 0039 347 2914992.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore