Ieri... oggi, è già domani | 31 maggio 2021, 06:00

"t'àa radila" (devi purgarla - devi soccombere)

Tre chicche (cose preziose - cose squisite) sul Dialetto Bustocco.

"t'àa radila" (devi purgarla - devi soccombere)

Tre chicche (cose preziose - cose squisite) sul Dialetto Bustocco. Me le racconta Giusepèn, con una premessa: "magari sui libàr in su non, ma mèn t'à u disu istessu" (magari sui libri non sono citate, ma io te le dico lo stesso).

Eccole in sequenza: "chi s'à vanta dàa so butia, al gha 'na magra marcanzia" - "ul paesàn gurdu, al va'n leciu senza scèna" - "t'àa radila".....tutta "roba" che viene dalla strada; di gente che il Dialetto lo vive, lo esprime, ne fa tesoro....non tanto per qualificarsi; solo per offrire una lezione di vita"appresa e consumata" durante le vicissitudini dell'esistenza.

Cominciamo col "t'àa radila"...detto conciso, riflessivo su cui meditare. Contiene tanti significati morali e una "certezza". Vuole significare che di fronte al "male perpetrato nei confronti degli altri, "devi pagarla", nei tuoi confronti ci sarà la giusta pena, l'equilibrio fra il "peccato" e la sua "conseguenza" si manifesta proprio nel giudizio finale: ad ogni azione, segue una reazione.

Quella del "paesàn gurdu..."è tipicamente contadina. Catechizza un comportamento, un dato di fatto, una realtà e pure un ....ammonimento nei confronti di chi è esoso e che non si accontenta mai. Il contadino "gurdu" (insaziabile) è colui che pretende sempre di più....dal suo lavoro, dalla semina nel proprio campo, dalle pretese....anche del tempo....insomma, un incontentabile.

La conseguenza è tipica: costui "al va'n leciu senza scena" (va a letto senza cenare) proprio per la sua voglia di emergere a ogni costo; di far sapere agli altri che "lui può" a dispetto di tutto e tutti. Invece, la sua "ingordigia"lo porta a "naufragare" ....non "m'è dolce naufragar in questo mare"come dice ...Leopardi, ma dentro il suo egoismo, la sua pervicacia, nell'insistere sui propri metodi che si scontrano con la realtà....sino a perdere il raccolto, a urtare chi gli è vicino, a rendere la vita grama senza una palese ragione.

Quindi "chi si vanta della propria bottega mette in mostra una mercanzia mediocre". Il detto è ....dedicato ai soloni, ai saccenti, a chi "so tutto io ...io leggo...io mi documento" poi si capisce che non è tutto vero quanto si apprende dai libri....senza conoscere la realtà della vita; quella che Giusepèn illustra con gli esempi, le "prove", il proprio vissuto, magari dentro case di ringhiera, in fabbrica e nei campi, col profumo del lavoro addosso, con la fatica da mostrare dentro le rughe del viso, sulle mani, attraverso la pelle callosa e le fatiche dentro gli sguardi.

La "mercanzia mediocre"si traduce nello scarso credito che si ha....certo, chi gli sta vicino deve unicamente "elogiare" l'insegnamento....poi, di fronte a un ....Giusepèn deve unicamente fare scena muta....l'esperienza di vita del Giusepèn vale più d'un'Enciclopedia.... esperienza "imparàa suta a buascia dàa vaca" ....altra chicca, Giusepèn....oggi ti superi. La traduzione del "detto" è un po' volgare, ma è reale....la si può spiegare così: la "buascia" è lo sterco della mucca.... è semplicità, è "cosa" che fanno tutti....animali e persone!

Imparare l'esperienza di vita "lì sotto" è per dire che si è avvezzi ad ogni evenienza, magari triste, forse crudele, piena di sacrifici e di stenti, con la fatica a sorreggere le speranze, per una prospettiva migliore. Imparare a vivere "suta àa buascia dàa vaca" è conoscere il bene e il male, il giusto e l'ingiusto, l'etica, la deontologia, l'Educazione Civica....ecco cosa ci vorrebbe oggi per i giovani (e non solo): imparare l'Educazione Civica....lo stare insieme, l'apprezzare i valori della convivenza (e non la convenienza), essere Cittadini, onorare il Tricolore e il Bene della vita!

Gianluigi Marcora

Leggi tutte le notizie di IERI... OGGI, È GIÀ DOMANI ›

Leggi anche

sabato 24 luglio
mercoledì 21 luglio
domenica 18 luglio
giovedì 15 luglio
lunedì 12 luglio
venerdì 09 luglio
martedì 06 luglio
domenica 04 luglio
giovedì 01 luglio
lunedì 28 giugno
In prima fila!
(h. 06:00)
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore