/ Busto Arsizio

Che tempo fa

Cerca nel web

Busto Arsizio | 09 giugno 2021, 14:26

Busto, da lunedì all'Urp senza appuntamento. Antonelli: «Ho chiesto il rientro al lavoro in presenza»

Il sindaco sottolinea che sono sedici i dipendenti ancora in smart working e aggiunge una raccomandazione ai cittadini: «Il lavoro degli uffici va tutelato e non boicottato». Da domani, dieci tabaccherie del territorio attiveranno il servizio di anagrafe

Il sindaco Emanuele Antonelli

Il sindaco Emanuele Antonelli

In questi giorni il sindaco Emanuele Antonelli ha dato indicazioni affinché, con l'applicazione di tutte le cautele e nel rispetto delle norme legate all'emergenza sanitaria, gli uffici di front office tornino a ricevere i cittadini senza appuntamento, almeno per alcuni servizi, e siano riviste le modalità di attivazione dello smart working.

Il primo ufficio a riaprire dal 14 giugno, tutte le mattine dalle 9.00 alle 12.30 senza appuntamento, è l’Ufficio Relazioni con il Pubblico per i seguenti servizi: il ritiro della carta di identità rinnovata, il rilascio del pin/puk della Carta Nazionale dei Servizi-Tessera sanitaria, il ritiro dei certificati di destinazione urbanistica richiesti agli uffici competenti, l’espletamento delle procedure per l'idoneità degli alloggi, il ritiro dei documenti richiesti ex L. 241/90 e successive modifiche. Resta la modalità di accesso con appuntamento il pomeriggio di martedì, mercoledì e giovedì. L’accesso è da via Candiani.

«Ho chiesto ai dirigenti del Comune di attivare tutte le forme di rientro al lavoro in presenza, garantendo la salute di utenti e dipendenti - afferma Antonelli -. Lunedì erano in smart working soltanto 16 dipendenti, nel periodo di massima crisi erano oltre cento persone. Ho segnalato inoltre l'esigenza di procedere con le assunzioni che sono state programmate per garantire il miglior servizio ai cittadini in una fase di ripartenza che molto inciderà sulla vita futura di tutti. Ho anche chiesto al dirigente responsabile di fare tutto quanto sarà necessario per garantire la salute dei nostri dipendenti, sempre a disposizione del pubblico, anche quello più intemperante - ha aggiunto il sindaco -. Vorrei ricordare a tutti che la pandemia è stata molto pesante anche per coloro che hanno lavorato - da casa o dall'ufficio - e che non si sono mai tirati indietro, per questo il loro lavoro va tutelato e non boicottato».

Palazzo Gilardoni segnala infine un’altra iniziativa utile a facilitare i cittadini che hanno necessità di certificati anagrafici: da domani, 10 giugno, grazie ad una convenzione tra il Comune e la Federazione Italiana Tabaccai, dieci tabaccherie del territorio attiveranno il servizio di anagrafe in tabaccheria.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore