/ Politica

Politica | 17 agosto 2021, 14:26

Fumata bianca a Busto: il centrosinistra corre unito con Maggioni

Patto per il Cambiamento tra Pd, 5Stelle ed Europa Verde: nasce una coalizione «per promuovere la città di tutti». Tra i punti chiave chiusura dell'inceneritore e stop ai finanziamenti sull'ospedale unico per procedere piuttosto al miglioramento dell'esistente in chiave moderna

Maurizio Maggioni

Maurizio Maggioni

Insieme alle elezioni amministrative «per promuovere la Busto di tutti». Lo annuncia una nota firmata da Partito Democratico, Movimento 5 Stelle ed Europa Verde-Verdi: era nell'aria e ora è ufficiale. Si correrà uniti sostenendo il candidato sindaco Maurizio Maggioni.

«Dichiariamo la volontà di costruire un percorso comune in vista delle elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021 - riportala nota - Nel pieno rispetto delle differenti sensibilità e dei percorsi che ne hanno precedentemente caratterizzato l’offerta politica, si impegnano a condividere proposte e ad individuare obiettivi comuni nell’interesse della città nel segno dell’innovazione e della sostenibilità».

Nei giorni scorsi era stato il candidato sindaco del Pd Maurizio Maggioni a tendere la mano e le risposte positive erano nell'aria. 

L'origine

Si scrive ancora: «Tale iniziativa comune ha avuto origine dalla volontà delle diverse forze e sensibilità politiche, che ritengono si siano compiuti passi in avanti di fronte ai temi che si sono nel frattempo modificati ed insieme sono venuti meno motivi di distinzione che peraltro non hanno impedito di mantenere un rapporto costruttivo in questi mesi».

Di qui la fumata bianca: «ll progetto della nascente coalizione di chiaro stampo progressista ed ecologista, è nato dopo un serrato confronto sulle tematiche locali e ambisce a rappresentare una svolta per la città attraverso un Patto per il Cambiamento che intende mettere al centro le persone, l’ambiente, la tutela della salute, le questioni di natura sociale e il rispetto dei principi di legalità, trasparenza e partecipazione».

Ecco i punti chiave del patto. Prima di tutto, chiusura dell’inceneritore e nuova gestione del rifiuto: «Vogliamo avere il coraggio di cambiare rotta ponendoci l’obiettivo di arrivare il prima possibile alla chiusura dell’inceneritore attraverso la revisione del piano strategico della Newco nell’ambito di una nuova politica di gestione del rifiuto. Parimenti intendiamo promuovere un migliore monitoraggio dei livelli di inquinamento sulle varie fonti e spingere per una più efficace politica regionale».

Secondo tema, sanità territoriale e Ospedale moderno a partire dall’esistente: «La pandemia di Covid-19 ha profondamente segnato la nostra città. Le inefficienze da parte di Regione Lombardia nella gestione dell’emergenza hanno reso palesi le carenze del sistema sanitario lombardo. Riteniamo si debba investire nella sanità territoriale, aumentando i presidi sanitari sul territorio e non riducendoli. Chiediamo di mantenere fermi i finanziamenti regionali inseriti nella programmazione 2021-27, investendo in un Ospedale moderno a partire dalla riprogettazione e trasformazione delle strutture esistenti, e prevedendo un potenziamento del servizio, al fine di far tornare i cittadini bustocchi orgogliosi dell’assistenza sanitaria che meritano».

Povertà e trasparenza

Terzo punto,  si pone l'attenzione ai pilastri di un nuovo welfare cittadino e il sostegno alle piccole e medie imprese: «Intendiamo introdurre nuove misure di contrasto alla povertà e di reale sostegno economico, aumentare i servizi per gli anziani, garantire l’accesso alle pari opportunità per le donne e favorire aggregazione e formazione per i giovani sono i nostri quattro pilastri per un nuovo welfare cittadino che non lasci indietro nessuno. Ugualmente occorre adottare misure di sostegno economico quali, ad esempio, la creazione di un fondo di microcredito rivolto a Pmi e a cittadini in difficoltà».

Ancora, quarto punto riguarda legalità, trasparenza e partecipazione: «Desideriamo porre l’accento sui principi di legalità, trasparenza e partecipazione quali elementi fondamentali per la nuova amministrazione della città. In materia di contratti intendiamo valorizzare il ricorso a gare pubbliche e trasparenti, rotazione degli affidamenti diretti e dei dirigenti, assunzioni per curricula. Parimenti prevediamo la creazione di strumenti partecipativi che permettano ai cittadini di comunicare con il Comune e di essere ascoltati».

Si insiste poi su ambiente e sostenibilità urbana: «Desideriamo tutelare e valorizzare il contesto urbano, promuovere la cura del verde pubblico e puntare sulla rigenerazione urbana del patrimonio edilizio esistente; migliorare e rendere efficiente il servizio dei trasporti pubblici: i sistemi di mobilità sostenibile saranno complementari alla più ampia diffusione dei servizi nei quartieri, per promuovere la Città dei 15 minuti. Un’attenzione maggiore deve essere dedicata anche alla flora e alla fauna dei parchi e alla lotta al cambiamento climatico».

Avanti con Maggioni

Le forze politiche del centrosinistra confermano di aver così individuato «quale principale promotore e depositario del Patto per il Cambiamento la figura di Maurizio Maggioni, riconoscendone la disponibilità, l’autorevolezza e l’impegno a ricoprire il ruolo di comune candidato sindaco».

Venerdì 20 la presentazione ufficiale del patto che unisce il centrosinistra appunto, un elemento nuovo sullo scenario delle amministrative il cui effetto saranno le urne a decretare.

Ma. Lu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore