/ Valle Olona

Valle Olona | 18 agosto 2021, 08:30

Olgiate Olona pensa ai più piccoli: nuova convenzione con le scuole dell’infanzia

L’assessore Tognoli: «Oggi più che mai, necessario garantire opportunità educative in contesti sicuri». I dettagli noti a breve

Olgiate Olona pensa ai più piccoli: nuova convenzione con le scuole dell’infanzia

«La situazione degli ultimi mesi ha reso più che mai evidente la necessità di assicurare ai piccoli opportunità educative in contesti sicuri e di grande qualità». Queste le parole con coi l’assessore Luisella Tognoli presenta la nuova convenzione stilata con le scuole dell’infanzia olgiatesi, che da sempre rappresentano una delle eccellenze del territorio.

«Si tratta di un documento – spiega l’assessore Tognoli – che è stato steso anche grazie al dialogo sorto all’interno della commissione, progettato insieme alle diverse realtà che la compongono nel pieno rispetto dei ruoli istituzionali». Si è lavorato, dunque, per creare per i piccoli olgiatesi le migliori condizioni di apprendimento e di socializzazione possibili, considerando anche le limitazioni necessariamente imposte dall’emergenza sanitaria ancora in atto.

«Si è anche posta grandissima attenzione – prosegue l’assessore ai servizi educativi – all’unicità e alla soggettività dei giovani per quanto riguarda il diritto educativo; ciò significa che all’interno della convenzione sono state previste delle apposite modalità da mettere in atto per venie incontro ai bisogni specifici di ogni singolo bambino».

Particolare attenzione, inoltre, è stata posta al tema della disabilità, inserendo punti dettagliati che prevedono che l’amministrazione sostenga i progetti che le scuole mettono in atto durante l’anno per rispondere alle necessità educative degli alunni, siano essi dedicati ad un soggetto specifico, siano invece indirizzate a tutta la classe con l’intento di favorire il percorso di crescita e di inclusione di casi specifici.

«La convenzione – conclude l’assessore Luisella Tognoli – ha una durata di tre anni, ma non è “incisa nella pietra”; se c’è qualcosa che l’ultimo anno ci ha insegnato è che può capitare che le situazioni mutino in pochissimo tempo, a da sempre sappiamo che, soprattutto nelle scuole dell’infanzia, non è possibile valutare le necessità dei piccoli sino a quando on si lavora fisicamente con loro e non si impara a conoscerli. Per questo abbiamo realizzato uno strumento elastico, pronto ad evolversi per venire incontro alle necessità dei singoli alunni che emergeranno con il progredire del lavoro delle classi».

Loretta Girola

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore