/ Territorio

Territorio | 17 settembre 2021, 09:19

Le lacrime e i ricordi di chi voleva bene a Mattia Rizzon: «Eri e sei un ragazzo speciale, i tuoi ricordi ci riempiranno il cuore»

Famigliari, colleghi, amici piangono la tragica scomparsa del motociclista di Vergiate, che ha perso la vita ieri, a soli 27 anni, in un incidente sulla statale del Sempione. All'inizio della pandemia aveva donato 200 mascherine al Cva di Angera: «Voleva solo aiutare».

Foto dalla pagina Facebook di Mattia Rizzon

Foto dalla pagina Facebook di Mattia Rizzon

Ricordi, aneddoti, lacrime e preghiere si mischiano nelle mente e nei cuori di chi voleva bene a Mattia Rizzon, il motociclista di 27 anni di Vergiate morto ieri in un tragico incidente stradale sulla statale del Sempione (LEGGI QUI).

A piangere il giovane centauro, impiegato in un'azienda del settore della logistica ed appassionato fotografo, sono famigliari, colleghi, amici, ex compagni di classe, ex insegnanti e chi lo ha conosciuto bene ed ha apprezzato la sua generosità e allegria. 

«Ti vogliamo ricordare così, la piccola peste delle elementari ma il Grande Uomo con un cuore enorme che sei diventato» lo ricorda un ex compagno di classe. 

«Ci manchi, sarai sempre nei nostri cuori, eri e sei un ragazzo speciale» il ricordo commosso di un'amica». «Sei andato via e hai lasciato un enorme vuoto dentro noi. Non ci sono parole, amico mio: solo lacrime. Ma saranno i tuoi ricordi a riempire il mio cuore» le parole affettuose di un amico. 

«Ex alunno gentile e creativo -  ricorda una sua ex insegnante - conserverò in tuo ricordo il fazzoletto triangolare che mi hai stampato, con mille cure e una commovente dedica. Buon viaggio, che il vento accarezzi le tue spalle durante il tuo cammino sulle Alte Vie, raggiungi il club dei ventisettenni del rock che non erano nati per rimanere su questa terra, ti voglio bene Mattia». 

A testimoniare la generosità di Mattia ci sono anche le parole di un volontario del Cva di Angera. 

«Un ringraziamento a Mattia Rizzon che ha donato al Cva 200 mascherine - si legge sui social - gratuitamente e non è mai così scontato. Questo era successo nella prima ondata quando si faceva fatica a trovare le mascherine; lui mi ha contattato perché voleva solo aiutare. Oggi se ne andato un bravissimo ragazzo. Condoglianze alla sua famiglia, morire a 27 anni è devastante». 

M. Fon.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore