/ Storie

Storie | 27 settembre 2021, 21:18

Il piccolo Dylan è nato in ambulanza. L'equipaggio della Croce Rossa: «Saremo per sempre i suoi angeli custodi»

Una bella storia arriva da Luino, dove qualche giorno fa il nuovo arrivato ha avuto fretta di nascere e lo ha fatto a bordo dell'ambulanza. I soccorritori non dimenticheranno mai quei momenti: «Un grande pianto di gioia»

Il piccolo Dylan è nato in ambulanza. L'equipaggio della Croce Rossa: «Saremo per sempre i suoi angeli custodi»

Il piccolo Dylan aveva fretta di nascere e lo ha fatto sull'ambulanza della Croce Rossa di Luino. Una bella storia che nei primi giorni di settembre aveva accompagnato il nuovo arrivato di una famiglia dell'Alto Varesotto. Oggi gli operatori della Croce Rossa hanno ricevuto l'encomio dal loro presidente Pierfrancesco Buchi e da tutto il Consiglio Direttivo, per come hanno affrontato e gestito questa missione

«Nascere in ambulanza non è da tutti...chissà infatti cosa dirà il piccolo Dylan quando Elisa, la sua mamma, gli racconterà l'esperienza vissuta qualche giorno fa - raccontano dalla Croce Rossa di Luino - Gli operatori della Croce Rossa di Luino e Valli non dimenticheranno tanto facilmente le emozioni di quei minuti, accompagnati dai respiri in profondità di Elisa, poi scoppiati in un grande pianto di gioia».

Così i protagonisti di quella missione - Graziella, Chicca e Fabrizio - ricordano quei momenti: «Suonò il telefono, era un codice rosso e poi poche parole scritte sulle indicazioni di servizio che ci hanno fatto capire subito che si trattava di una donna in travaglio. Pochi secondi ed usciamo a sirene spiegate, arriviamo sul posto e senza esitare, insieme al personale dell'automedica, abbiamo aiutato a nascere il piccolo Dylan che non ha voluto aspettare l'arrivo in ospedale, venendo alla luce nella nostra ambulanza. Le lacrime non sono mancate, la gioia è stata grande e per Dylan forse saremo per sempre gli angeli custodi della sua Croce Rossa».

Adesso per gli operatori della Cri è arrivato l'encomio dal loro Presidente Pierfrancesco Buchi e da tutto il Consiglio Direttivo, per come hanno affrontato e gestito questa missione: professionalità, conoscenza dei protocolli ed una buona dose di sensibilità hanno contraddistinto l'equipaggio in servizio. Ad Elisa invece è stato consegnato un buono per la partecipazione al prossimo corso sulle Manovre Salvavita pediatriche; un segno di attenzione ai più piccoli che la Croce Rossa ha voluto condividere con la giovane mamma.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore