/ Storie

Storie | 30 settembre 2021, 09:33

Capre, asini, anatre, cani e gatti a rischio sfratto. L’appello di Cinzia: «Sono come i miei figli, non voglio che siano abbattuti. Aiutatemi»

Dalla provincia di Savona un appello per salvare un centinaio di animali domestici: «Occorre trovare velocemente una casa colonica con terreno. Finora inutili le ricerche, estese anche al Piemonte e alla Lombardia»

Capre, asini, anatre, cani e gatti a rischio sfratto. L’appello di Cinzia: «Sono come i miei figli, non voglio che siano abbattuti. Aiutatemi»

Tempo scaduto, gli oltre 100 animali di Cinzia Ferrara - 50 oche30 galline, ma anche anatretacchiniasini, caprettecani e gatti - rischiano, da domani, di non avere più un posto dove vivere. Un destino condiviso con la loro proprietaria: ma non solo, le bestiole rischiano pure di essere abbattute. La loro storia arriva dalla Liguria, dalla provincia di Savona, ma sta facendo il giro dei social.

Uno sfratto incombente, esecutivo dal 1º ottobre, mette infatti a rischio la sopravvivenza dei capi e Cinzia disperata lancia un appello: “Per me è un dramma sono come i miei figli. Se ci fosse qualcuno disposto ad accoglierci lavorerei gratis accudendo i miei e gli animali degli altri, facendo il custode, dandogli da mangiare. L’importante è trovare un posto e che non vengano uccisi”. 

Cinzia Ferrara che sta lottando anche con i postumi di un infortunio che si è procurata lavorando in campagna, è vittima della crisi economica conseguente al covid. Ha dovuto interrompere la sua attività di vendita ambulante di prodotti biologici ed è naufragato un progetto ecologico, una vera e propria scelta di vita, legato alla concimazione e la cura dei terreni utilizzando le oche libere di pascolare sotto le coltivazioni di alberi da frutto. 

È venuta, così, meno per lei la possibilità di pagare l’affitto del casolare di campagna e del terreno (700 euro al mese), in località Roggio a Testico alle spalle di Andora, nel Savonese, e i proprietari, che evidentemente hanno in animo di vendere immobile e terreno, hanno proceduto a formalizzare in tribunale le pratiche per lo sfratto che, fermato per qualche mese dalle sospensioni per il covid, da domani è esecutivo. 

Cinzia, anche aiutata dal sindaco di Testico Lucia Moscato e affiancata dall’associazione Aidaa di Milano e dal suo presidente Lorenzo Croce, ha iniziato da tempo a cercare una nuova sistemazione ideale per sé e per gli animali dai quali non intende separarsi, quindi una casa colonica con stalle e un po’ di terreno, allargando la sua ricerca nella vicina provincia di Imperia ma anche in Piemonte e in Lombardia. Al momento, però, senza successo. 

Ho anche sfidato la zona rossa rischiando multe per andare in Piemonte a visitare fattorie che potessero ospitarci ma alla fine, vuoi per un motivo o per l’altro, per l’incertezza del periodo soprattutto, non ho trovato nessuno disposto ad accoglierci”, racconta la donna.     

Il sindaco di Testico Lucia Moscato dice: “Sto interloquendo con l’avvocato che assiste la signora fornendo l’elenco delle possibilità che il comune può mettere in campo per aiutarla. I proprietari hanno rifiutato qualsiasi dialogo, l’unica concessione che fanno è che non procederanno per il recupero degli affitti pregressi. C’è anche da considerare che la signora ha versato regolarmente per anni 700 euro al mese ed ha realizzato a sue spese importanti migliorie. Abbiamo attivato tutte le nostre conoscenze per poter trasferire lei e i suoi animali in una azienda agricola del territorio, le nostre località si prestano al turismo agricolo ma la fragilità del momento non lo permette. C’è la possibilità di restaurare, magari con delle donazioni, un immobile del Comune per poter ospitare lei e temporeggiare ma rimane il problema degli animali. Bisogna vedere se i terreni intorno sono adatti a ricoverarli”.

Cinzia Ferrara è assistita dall’avvocato Chiara Fatta: “Sono stata incaricata da poco e ho trovato tutto già avviato. Tuttavia, ho preso contatti per cercare una soluzione per tutelare la signora anche attraverso un’attività di sensibilizzazione mirata a trovare qualcuno che possa aiutarla. Nel frattempo sono in contatto, ovviamente, con i legali dei proprietari per avere ancora un po' di fiato”.

da ImperiaNews.it

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore