/ Legnano

Legnano | 10 ottobre 2021, 09:35

Furto al Circolone di Legnano, bottino ingente. «Da soli possiamo non farcela»

L'appello della Direzione dello storico circolo cooperativo legnanese. A breve partirà una campagna di crowdfunding. Settimana scorsa il vile furto con scasso di attrezzature professionali: casse audio, mixer digitale, videoregistratori, microfoni, caveria

Furto al Circolone di Legnano, bottino ingente. «Da soli possiamo non farcela»

Oggi sarebbe una di quelle giornate che segnano la ripartenza, con l'organizzazione della Castagnata al Parco Alto Milanese. Ma i giorni scorsi sono stati pieni di amarezza per la direzione e lo staff del “Circolone” di Legnano. Un furto, nottetempo, al salone spettacoli ha costernato e demoralizzato, dopo mesi difficilissimi per via della pandemia.

Ladri di ripartenza. «Non è semplice ripartire con le attività dopo il terremoto pandemico, dopo mesi di chiusure obbligate, affluenze ridotte e fatiche economiche gravose – scrive la Direzione del Circolone di Legnano - Il settore dello spettacolo, una delle nostre attività fondanti, bloccato e senza lavoro, da mesi in una crisi profonda. Il 21 settembre abbiamo deciso di riaprire il nostro storico palco, di riaccendere le luci di scena , fiduciosi di ricominciare. Lo volevamo noi, lo vuole il nostro pubblico e tutto il settore degli eventi. Ma cosa poteva mancare dopo tanto disorientamento per la pandemia e dopo questa giusta decisione di tornare ad essere in città un palco aperto?

Un furto! - prosegue la comunicazione del Circolo Cooperativo sociale Fratellanza e Pace - Nella notte tra mercoledì 6 e giovedì 7 ottobre, il salone spettacoli del Circolone è stato devastato da ignoti che si sono introdotti con scasso da una delle finestre blindate, dopo aver tentato di violare le porte di sicurezza».

Ingente la conta dei danni alle strutture e non da meno il bottino dei ladri. Sono stati rubati casse audio, mixer digitale, videoregistratori, microfoni, caveria, «attrezzature audio professionali, preziose e indispensabili alla nostra attività culturale - proseguono dal Circolone - un ulteriore attacco alla nostra attività culturale, una nuova pugnalata alla volontà di ripartire, una ferita che non ci meritiamo dopo 18 mesi di palco chiuso».

Da soli possiamo non farcela...

«Il Circolone spettacoli e cultura non si deve fermare, ancora una volta la nostra programmazione deve continuare e il palco resterà acceso e aperto! Ma da soli possiamo non farcela, abbiamo bisogno di una mano da chi vuol bene al Circolone e alla sua storia, dai cittadini, dai soci, da chi può fare un gesto d’aiuto, sotto forme diverse: prenotare le serate di musica e cabaret, poesia e degustazioni e venire a fare una cena.

Partirà a breve una campagna di crowdfunding - annuncia la direzione - per darci un aiuto a ricomporre il nostro storico impianto audio, che è servito a far suonare centinaia di musicisti, a far ballare migliaia di giovani, a far ridere e commuovere con il cabaret e il teatro: per noi un sostegno e un aiuto molto importante, nel nome del settore spettacolo, nel nome dello storico salone del Circolone. Ringraziamo il sindaco Lorenzo Radice che, informato dei fatti avvenuti, ci ha espresso tutta la sua vicinanza e la condanna per questo pesante e indegno furto».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore