/ Calcio

Calcio | 17 ottobre 2021, 18:28

Ivan Javorcic: «Indescrivibile ciò che ho vissuto, continuate a essere così. Un giorno tornerò». FOTO E VIDEO

L'applausi dei tifosi tigrotti all'ex mister, il suo saluto al Pro Patria Museum che l'ha omaggiato nel pannello degli allenatori più fedeli insieme a Fiorenzo Magni, nipote di Piero. La tessera numero 1 dell'associazione Tigrotto 1919 e quell'abbraccio super con Daniele

L'abbraccio di Javorcic e Danielino: uno dei momenti più emozionanti al Pro Patria Museum

L'abbraccio di Javorcic e Danielino: uno dei momenti più emozionanti al Pro Patria Museum

«Mister, bentornato a casa!». Al Pro Patria Museum si è radunata una folla allenata ai distanziamenti, ma quelli del cuore non esistono. Dopo la partita (LEGGI QUI), Javorcic si dirige al museo, dove l'aspettano Andrea Fazzari e Mattia Brazzelli Lualdi per il pannello dedicato al podio degli allenatori biancoblù. Pietro Magni, 166 panchine. Imre Ianos Bekey, 158 panchine. Ivan Javorcic, 156. 

L'applauso era già scattato all'inizio del match, ora ecco il bis e quel grido che l'emoziona. Vede il grandissimo tifoso della Pro Daniele De Grandis: l'abbraccio, un'immagine ancora più indelebile nella galleria delle emozioni. C'è anche Fiorenzo Magni, nipote di Piero Magni, sul telefonino una collezione di foto e articoli dello zio (nato il 1919 come la Pro Patria) che interpretò tutti i ruoli compreso il portiere in un'occasione. Mattia Brazzelli Lualdi svela il pannello con Andrea Fazzari, che sottolinea: «Javorcic ha detto che è figlio della Pro, tant'è che prima di partire per Bolzano è tornato qui a visitare il museo».

L'ACCOGLIENZA

 

«È stato un onore, il vostro saluto è indescrivibile, siete stati meravigliosi - commenta Javorcic, emozionato -Ho grandissimo, profondo rispetto per la Pro Patria e la città... Continuate a essere così... Sicuramente un giorno tornerò».

 IL DISCORSO DEL MISTE

Poi riceve i doni, come quelli del Pro Patria Club con Giovanni Pellegatta che offre la raccolta dei Tigrottini. E fa conoscenza della mascotte della Pro Patria. Emanuele Gambertoglio gli porge la tessera numero uno dell'associazione Tigrotto 1919. 

L'OMAGGIO DELLA MASCOTTE

Fino alla partenza per casa. La sua seconda casa, mister, gli dice Mattia. La prima, non si può più cambiare: è Busto Arsizio. 

Marilena Lualdi


Vuoi rimanere informato sulla Pro Patria e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 347 2914992
- inviare un messaggio con il testo PRO PATRIA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PRO PATRIA sempre al numero 0039 347 2914992.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore