/ Gallarate

Gallarate | 21 ottobre 2021, 14:45

Giunta di Gallarate: Cassani premia le scelte degli elettori

Squadra presentata oggi a Palazzo Borghi: componenti tutti reduci dalla candidatura alle elezioni. Due assessorati alla lista civica del sindaco. Lui: «Doveroso ascoltare i segnali provenienti dalla cittadinanza»

Presentata a Palazzo Borghi la nuova Giunta comunale di Gallarate.

Presentata a Palazzo Borghi la nuova Giunta comunale di Gallarate.

Numeri e competenze: questi i punti di riferimento seguiti dal rieletto sindaco di Gallarate, Andrea Cassani, nella composizione della Giunta. Lo ha dichiarato e ribadito più volte durante la conferenza con la quale, oggi, a Palazzo Borghi, è stata presentata alla stampa la nuova squadra.

Partendo dai numeri: «Questa è una Giunta – ha sottolineato Cassani – tutta composta, credo per la prima volta a Gallarate, da persone che si sono candidate alle ultime comunali. Sono pressoché loro ad avere preso più voti nelle rispettive liste. Con Giuseppe Martignoni, che con tutta probabilità sarà votato presidente del Consiglio, le preferenze ottenute dalle persone che siedono a questo tavolo con me raggiungono l’8 per cento. Sono, quindi, scelte dai cittadini».

Decisioni prese anche in considerazione della bassa affluenza alle urne. Ancora Cassani: «Oggi più che mai è importante ascoltare la cittadinanza, tenere presente i segnali. Avessi ascoltato i partiti, probabilmente non ci sarebbero in Giunta due componenti della Lista Civica (il cui risultato nelle urne è andato oltre le aspettative. ndr)».

Eccoli, dunque, gli assessori che affiancheranno il sindaco Cassani: Rocco Longobardi (Attività economiche – Commercio e attività produttive – Vicesindaco - Forza Italia), Claudia Mazzetti (Attività formative – Istruzione, cultura e sport - Lega), Corrado Canziani (Finanze – Bilancio, partecipate, fundraising – Lega), Stefania Picchetti (Servizi comunali - Urp, Servizi demografici, Digitalizzazione e Servizi indiretti – Lista Cassani sindaco), Francesca Caruso (Sicurezza – Polizia Locale e Protezione Civile – Fratelli d’Italia), Sandro Rech (Territorio - Edilizia residenziale pubblica, Urbanistica e Verde pubblico - Lega), Chiara Allai (Welfare – Servizi sociali e Salute – Lista Cassani sindaco).

«Alcune scelte – ha ammesso Cassani – dal punto di vista personale possono creare qualche dispiacere. Ma mi sono basato, ripeto, su numeri, che poi rappresentano un metodo democratico, e competenze». A partire da quelle in ambito commerciale/attività produttive riconosciute a Rocco Longobardi, oltretutto sorrette dall’ottima performance elettorale e da un accordo sovra comunale. «Che per Gallarate – ha precisato Cassani – prevedeva, di fronte a un quadro come quello che si è delineato anche a Busto, l’assegnazione della carica di vicesindaco  a un moderato». Promosso per curriculum e voti anche Corrado Canziani: «Un commercialista, con riconosciute capacità e inclinazione verso numeri e bilanci».

Carrellata di ringraziamenti al sindaco e alle rispettive formazioni politiche (partiti o lista civica) da parte dei nuovi assessori. Nel caso di Longobardi, oltre alla sottolineature sulla sua precedente esperienza civica e alla corsa elettorale, da indipendente, con Forza Italia, il «…grazie a  Nicola Mucci, Calogero Ceraldi, Gianni Sparacia e Aldo Simeoni». Riferimento alla staffetta nel settore Commercio con Claudia Mazzetti. Sandro Rech ha avuto un pensiero per il consigliere Andrea Zibetti, fino all’ultimo in lizza per le sue deleghe: «Ha deciso di lasciarle, con altruismo». Poi, un ringraziamento per il lavoro portato avanti con la Giunta precedente. Di tripla gratificazione ha parlato Francesca Caruso: «Per la rielezione, con il mio partito, per il rinnovo della fiducia da parte del sindaco e dei cittadini, per le nuove deleghe a Protezione Civile, Rapporti istituzionali e Marketing territoriale». Chiara Allai: «Il sociale è il mio mondo ma, quando si è partiti con la lista civica, nell’estate 2020, non pensavo che saremmo arrivati a questo punto». Sulla stessa linea Stefania Picchetti: «Sono alla prima esperienza, ci arrivo con orgoglio. Siamo un gruppo coeso, grazie ai cittadini per questo importante risultato». Corrado Canziani ha parlato di naturale proseguimento di un percorso: «Prima in circoscrizione, poi in consiglio comunale, di minoranza e maggioranza. Quindici anni in tutto. Ora ricevo deleghe che sono nelle mie corde ma non si può lavorare in solitudine, e qui si percepisce affiatamento». Rivendicato il ruolo femminile nella precedente amministrazione («Io e Francesca - Caruso, ndr - eravamo qui cinque anni fa») Claudia Mazzetti ha affermato: «I tanti voti ricevuti creano aspettative. Ora potrò dare più attenzione allo Sport perché, in passato, il commercio (ora a Longobardi, ndr) ha richiesto tante energie. Per il lavoro svolto, ringrazio Duc, Ascom, i consiglieri Zibetti e Bonicalzi. Ora voglio essere attenta in particolare ai giovani, che vengono da un periodo difficile».

Clima disteso, brindisi finale. Primi giri negli uffici, per conoscere (o riprendere contatto) con dirigenti e personale, da domani.

Stefano Tosi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore