/ Sport

Sport | 22 ottobre 2021, 09:00

Stadio Aperto, formidabili questi quattro giorni. Una Pro creativa, i ritorni e un abbraccio "segreto"

Abbiamo ripercorso le tappe clou contro Südtirol e Legnago. Con Giovanni Castiglioni: «In Veneto ha vinto la più forte, i valori mi sono sembrati parecchio diversi. Mister Prina, lasciati andare». E Marco Grecchi svela quanto ha visto dagli spalti veneti. La Pro Vercelli vittoriosa (ma stanca?) in arrivo domenica

Stadio Aperto e l'esultanza di Galli, con Castiglioni e Grecchi

Stadio Aperto e l'esultanza di Galli, con Castiglioni e Grecchi

Formidabili questi quattro giorni. Anche se il campionato è ancora lungo, praticamente alle prime battute. A Stadio Aperto, visto che i tigrotti si sono messi alla prova nel turno infrasettimanale, li abbiamo lasciati riposare per avviare invece una prima analisi. Con il giornalista di VareseSport e Busto Sport del lunedì su Radio Busto Live (nonché panathleta) Giovanni Castiglioni e con il tifosissimo Marco Grecchi, che ci ha rivelato anche dei particolari dal suo punto di osservazione a Legnago.

Felicità è anche saltare

Prima tappa in Veneto, dunque. «Ha vinto la più forte» ha detto senza esitazioni il giornalista Giovanni Castiglioni « e questo sottolinea un discorso più ampio, Prina continua ad ammannirci, bisogna lasciarsi 5 squadre dietro». Il Legnago era una di queste: «I valori mi sono sembrati parecchio diversi e il risultato non è congruo, una superiorità netta nel gioco, da parte della Pro, nell'interpretazione salvo una piccola parentesi».

I giornali veneti hanno mormorato invece di una Pro Patria non irresistibile. «In tribuna però non è stato così - assicura Grecchi, che ha visto la partita assieme a tifosi del Legnago - tutti molto sportivi, piuttosto arrabbiati con allenatore e portiere». Fa dell'autoironia: «Pensavo che Molinari fosse in fase di involuzione, invece le ultime due partite l'hanno visto tra i migliori. Così Galli, uno stantuffo e con una certa precisione».

Proprio Grecchi ci restituisce , invece, un "fuorionda" bellissimo: «Mi dicono che Prina non si fermi mai in campo da giocatori e allenatore avversari, io in effetti ho visto così domenica scorsa allo Speroni, cioè che esce con Turotti. Questa volta però il direttore sportivo è uscito velocissimo verso gli spogliatoi e il mister che esultava come un ultras, gli è corso dietro quasi saltandogli in spalla».

Una sorta di abbraccio che sprigiona la felicità del risultato e della prestazione. Poi Grecchi mantiene la sospensione di giudizio sul lavoro in corso, «recupero di altri giocatori e idee più chiare cominciano a farsi vedere » dice prudentemente.

Colpito anche dall'immagine di Legnago, Castiglioni osserva: «Prina è molto protocollare, mi piacerebbe si lasciasse andare di più». Fermo restando che quelli che contano sono i risultati, ribadisce.

Coltivare il futuro

Si è tornati anche sulla gara contro gli altoatesini e su Javorcic. Con un monito a non farsi inghiottire da vane nostalgie, al netto della gratitudine per l'ex mister: «Il passato va conservato - ha detto Castiglioni - Ma guardando il presente e coltivando il futuro». 

È una Pro diversa, creativa, propositiva, quella che si è vista, ed è un piacere anche parlarne insieme.

Mentre si discute, la Pro Vercelli sta pareggiando, poi vincerà contro la Giana. In ogni caso si attende la gara di domenica 24 con serenità. I piemontesi dovrebbero anche essere più stanchi.

Che ci si aspetta da noi, che è ciò che importa? Più una Pro Patria come quella contro il Südtirol o il Padova (quest'ultima, con risultato differente, prego).

 

GUARDA LA PUNTATA

Marilena Lualdi


Vuoi rimanere informato sulla Pro Patria e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 347 2914992
- inviare un messaggio con il testo PRO PATRIA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PRO PATRIA sempre al numero 0039 347 2914992.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore