/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 23 ottobre 2021, 07:00

Pedotti: «La giunta? Prima di dare giudizi aspettiamo di conoscere gli obiettivi di questa amministrazione»

«Oltre alle infrastrutture come l’ospedale, nella presentazione del programma ci aspettiamo anche una discussione più approfondita su temi economici e sociali della città», dice il segretario dem, neo-eletto in Consiglio comunale. «Bene l’apertura alle minoranze, l’interesse della città viene prima di discorsi partitici»

Paolo Pedotti

Paolo Pedotti

Dopo la presentazione alla stampa di ieri (leggi qui), la nuova giunta del sindaco Emanuele Antonelli può iniziare il proprio lavoro.
Un lavoro che sarà seguito con attenzione anche dal Partito Democratico che, con quattro consiglieri comunali, sarà il gruppo di opposizione più numeroso in assise.

Tra questi ci sarà anche il segretario cittadino Paolo Pedotti. Il quale, a proposito dell’esecutivo, si riserva di attendere la presentazione che avverrà martedì 9 novembre nella prima seduta del Consiglio: «Ascolteremo attentamente dal sindaco quali sono gli obiettivi strategici di questa amministrazione – dice –. Sembra si ponga in continuità con quella precedente, visto che finora è stata citata la prosecuzione dell’ospedale unico e il tema del palaginnastica».

Ma, afferma il segretario dem, «oltre alle infrastrutture, nella presentazione del programma ci aspettiamo anche una discussione più approfondita su temi economici e sociali della città. Attendiamo il 9 novembre per dare un giudizio complessivo del programma».

Intanto, durante la conferenza stampa degli assessori, Paola Reguzzoni – che oltre a essere la delegata ai servizi sociali è il commissario cittadino della Lega – ha parlato di «condivisione» con l’opposizione del percorso che porterà alla Busto del futuro, con una mole di investimenti senza precedenti.

«Apprezziamo la proposta di coinvolgere anche i consiglieri di minoranza sulle scelte che devono essere fatte – spiega Pedotti –. I nostri consiglieri comunali in passato hanno fatto opposizione con proposte costruttive e sui contenuti.
Se le idee che vengono dalla minoranza verranno accolte, come in passato non sempre è stato fatto, non potremo che esserne contenti. L’interesse della città viene prima di discorsi politici o partitici di sorta».

Ieri il sindaco ha anticipato che gli assessori saranno affiancati nel loro lavoro dai consiglieri delegati. Un compito che riguarderà gli eletti della maggioranza: il contrario «sarebbe qualcosa di inusuale», ammette Pedotti. «Ma siamo pronti a confrontarci e a contribuire in maniera costruttiva, oltre a svolgere un controllo sul lavoro dell’amministrazione».

Discorso diverso quello relativo a un ruolo istituzionale come la presidenza del Consiglio. L’ultima volta toccò (a sorpresa e a causa di un “patatrack” della maggioranza) a Valerio Mariani del Pd.
Questa volta, il centrodestra ha già fatto una scelta diversa (leggi qui).

R.C.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore