/ Sport

Sport | 29 ottobre 2021, 07:10

STADIO APERTO. Piu e il sangue freddo che viene (anche) dai gol: «Penso solo a rientrare prima possibile»

L'attaccante tigrotto, fermato per l'infortunio subìto nella partita contro la Pro Vercelli, non si lascia certo abbattere. La casa lasciata a 13 anni per il sogno-lavoro calcio, l'emozione della serie A, l'esultanza «di ghiaccio» e una promessa: «Domenica contro la Giana urlerò per sostenere i compagni»

Alessandro Piu a Stadio Aperto

Alessandro Piu a Stadio Aperto

«Mi dispiace molto, perché proprio in questo momento che venivo da due gol consecutivi, fermarmi ora... Ma penso solo a recuperare e rientrare in campo prima possibile». Alessandro Piu, ospite a Stadio Aperto, non si lascia certo abbattere dall'infortunio (LEGGI QUI), questo fulmine a ciel sereno che ieri si è abbattuto su di lui, sulla Pro Patria e su tutti i tifosi. Tanti i messaggi di solidarietà arrivati per l'attaccante tigrotto, reduce da due gol pesanti nelle ultime due partite.

Fulmine a ciel sereno, perché all'inizio non era emerso il problema che poi purtroppo si è reso evidente ieri con gli esami medici. Ma Alessandro, classe 1996, non si lascia abbattere. Non lui che - ha raccontato - a 13 anni ha afferrato le valigie ed è andato a Empoli, lasciando la famiglia: il calcio, nato come un sogno dirompente, era diventato un lavoro e bisognava diventare grandi. Cinque anni in un convitto.

Alessandro che ha bruciato le tappe, perché già ha vissuto la serie A: «Che emozione la prima partita». E che è già stato convocato nell'Under 21: ora il tifosissimo Daniele De Grandis gli "ordina" di farsi arruolare nella nazionale che prenderà parte ai Mondiali.

Il calcio come un divertimento, sempre, anche quando è una cosa seria. E il sangue freddo, che uno si costruisce a suon di gol e non solo. Piu incassa con gratitudine i messaggi di sostegno inviati dai tifosi, risponde sulla sua esultanza, presa in prestito da Correa: quel gesto che "grida" il ghiaccio nelle vene.

«Ho sentito subito la fiducia della gente, della società, dell'allenatore - racconta  a proposito dell'arrivo alla Pro Patria - Qui conoscevo già Sportelli, ma tutto il gruppo è fantastico».

Il gruppo che domenica, senza di lui, andrà a sfidare la Giana, avversaria a cui prestare estrema attenzione. No, in realtà non senza di lui: perché un tigrotto non abbandona i suoi compagni. «Sarò là in tribuna a tifare».

GUARDA LA PUNTATA

Marilena Lualdi


Vuoi rimanere informato sulla Pro Patria e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 347 2914992
- inviare un messaggio con il testo PRO PATRIA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PRO PATRIA sempre al numero 0039 347 2914992.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore