Altri sport - 02 novembre 2021, 14:28

Pallamano femminile: Salerno troppo forte per Cassano

Divario tra le due formazioni evidente nel primo tempo, seconda frazione di gioco più equilibrata. Finisce 23 a 31 per le campionesse in carica. Prossimo impegno a Padova

Foto Stefano Moroni

Foto Stefano Moroni

Salerno espugna il Pala Tacca, non riesce, alle ragazze di Cassano, l’impresa di battere le campionesse in carica.  Di seguito, il commento, affidato a un comunicato stampa, della società.

«Poteva essere una buona occasione per confermare quanto di buono fatto nelle prime giornate con le due vittorie consecutive negli ultimi due turni, così come auspicava coach Onelli alla vigilia. Anche per il fatto che giocando contro le campionesse in carica non ci fossero particolari pressioni sul match. E invece il giocare senza pressione ha finito per togliere anche concentrazione. Troppo contratte le amaranto in attacco, poca fluidità nel girare la palla e anche poca precisione al tiro, complice anche la prestazione del portiere croato della campane, Ilic. Tutto reso ancora più evidente dall’arma principale del Salerno, quelle ripartenze in velocità che proprio le tante palle lasciate alle avversarie hanno scatenato con veemenza dirompente».

La cronaca. Al decimo minuto le cassanesi sono già sotto 2-8 quando Onelli è costretto a chiamare il timeout per cercare di porre rimedio alle scorribande delle avversarie. Qualche miglioramento si vede dal punto di vista dell’organizzazione di gioco ma il controllo del match è ancora quasi completamente in mano al Salerno, soprattutto con l’azzurra Manojlovic (chiuderà il match con 11 reti a referto). Il gap si amplia ma le amaranto riescono parzialmente a contenere l’urto e chiudere il primo tempo sul 9-19 trovando finalmente qualche buona e vincente conclusione al tiro.

Negli spogliatoi il coach riesce a trovare le parole giuste, le cassanesi rientrano in campo con tutt’altro spirito e mettono in scena un secondo tempo completamente diverso dal primo: concentrazione, fluidità offensiva, collaborazioni in difesa che permettono anche a Bertolino di mettere a punto qualche bella parata. Il Salerno dal canto suo non accenna a rallentare il ritmo, anzi le ragazze campane spinte da coach Avram continuano a spingere sull’acceleratore non paghe del vantaggio acquisito e si spingono fino al massimo vantaggio di 12 gol. Ma questa volta le padrone di casa non ci stanno e rispondono colpo su colpo, mettono spesso in difficoltà le campionesse d’Italia e provano anche la l’improbabile impresa di rimontare. Ne esce una seconda frazione equilibrata, molto divertente e spumeggiante, giocata su ritmi alti e che premia la voglia di riscatto delle amaranto: chiudono le ostilità con un bel parziale di 3-1 negli ultimi minuti di gioco che rende un po’ meno pesante il punteggio finale, fissato sul 23-31.

Mister Onelli – conclude la nota - deve ripartire proprio dal buon secondo tempo delle sue ragazze, però cercando il modo di motivarle sempre, anche quando sulla carta le avversarie sono più forti. I risultati delle prime giornate che arrivano dagli altri campi sono lì a dimostrare che non ci sono partite impossibili da vincere e che chiunque può fare punti con chiunque. Voglia di provarci sempre e ovunque che le amaranto dovranno mettere in campo già da sabato prossimo quando saranno in trasferta sul campo ostico del Cellini Padova, che le precede in classifica di un solo punto e che scavalcherebbero in caso di vittoria.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU