Storie - 06 novembre 2021, 11:40

Ginetta Fumagalli, 100 anni e un segreto: «L'onestà»

Grande festa a Sacconago per la centenaria, festeggiata dalla famiglia e dal sindaco di Busto Antonelli con la vicesindaco Maffioli e l'assessore Cerana. Una donna che si è distinta nel volontariato. E tra le "istruzioni" per mantenersi così in forma, cita la Settimana Enigmistica. IL VIDEO

Ginetta Fumagalli, 100 anni e un segreto: «L'onestà»

L'aria di Busto, la Settimana Enigmistica... Ginetta Fumagalli è lieta di condividere i suoi segreti per essere arrivata, e così in forma, a spegnere 100 candeline. Ma uno è più importante di tutti e lo rimarca:«L'onestà».

Lo può dire, Ginetta, perché lei, che ha attraversato un secolo, anche negli anni più duri, si è sempre prodigata per gli altri. Secondogenita di cinque figli tra i quali un sacerdote, l’ex parroco di Bresso, la donna ha affrontato gioie e sofferenze senza perdere mai la forza della speranza. Oggi si è meritata una bella festa con la sua amata famiglia e ha ricevuto gli auguri degli amici, dei vicini e del Comune di Busto. È arrivato infatti il sindaco Emanuele Antonelli, con la vicesindaco Manuela Maffioli e l'assessore Daniela Cerana: insieme le hanno portato l'omaggio e le congratulazioni della sua città, nell'abitazione di Sacconago. 

Ginetta Fumagalli, vedova Toia, è nata a Busto Arsizio il 6 novembre 1921. All’indomani della grande guerra - ricordano i nipoti - «ha vissuto momenti toccanti della nostra storia: fascismo, seconda guerra mondiale, dopoguerra…. e non ultima la pandemia, da cui non è stata nemmeno sfiorata».  E ancora, impressiona il suo impegno lungo e silenzioso per gli altri: «Per tanti anni si è prodigata nel sociale come coadiuvante volontaria nell’ex asilo Nido Enrica e Basilico Gagliardi di Sacconago. È stata dama dell’associazione caritatevole San Vincenzo de’ Paoli della parrocchia dei santi Pietro e Paolo di Sacconago. Sempre disponibile a dare una mano non solo ai bisognosi di attenzione e di aiuto, ma anche ai familiari, parenti e amici, è stata anche abile tessitrice e affiancava la cugina sarta in lavori sartoriali, apportando competenza e simpatia».

Ecco, Ginetta ha saputo tessere anche tanto bene e oggi è stata circondata dall'affetto di molti, più che mai. Perché è un giorno speciale, da condividere. Anche con quella raccomandazione di vita, che resta come un cardine senza tempo.

GUARDA IL VIDEO

 

Ma. Lu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU