/ Storie

Storie | 16 novembre 2021, 10:00

Haiti, la festa dei bimbi copre il rumore della guerra

Nel giorno della tregua suor Marcella ha organizzato un party per i dieci anni per Mykebens. Ed è stata gioia grande: «Festeggiamo il dono della vita». LE FOTO

Haiti, la festa dei bimbi copre il rumore della guerra

È una guerra atroce, quella di Haiti. Trasversale con le bande che copiano i talebani, dilagante, invisibile sugli schermi del mondo. Ma c'è qualcosa che può placarne il rumore: è la festa di un bambino.

Questo il messaggio affidato da suor Marcella Catozza ad Haiti. Anche la vita dei ragazzini è minacciata costantemente dalla violenza che imperversa: ieri, giorno di tregua, hanno potuto almeno fare ritorno a scuola.

Ma è successa un'altra cosa speciale, che la religiosa bustocca narra con le immagini e una commozione che arriva fin qui.

«Anche se siamo in guerra noi festeggiamo il dono della vita di Mykebens». Un bambino disabile che lunedì 15 novembre ha compiuto dieci anni e si meritava appunto una festa insieme agli amici. Con leccornie e tanto di bimbi invitati, come se fuori non ci fosse quel pericolo che lambisce anche la comunità di suor Marcella. 

Le immagini scorrono traboccanti di colori e felicità. C'è il bimbo ancora impegnato a gustare le delizie, c'è quello che mostra il piatto vuoto come a reclamare il bis.

C'è la festa di un ragazzino che sfoggia un sorriso così contagioso, da far fermare tutto il mondo. A chiedersi perché si tolleri che una nazione tormentata come Haiti possa vivere solo scampoli di felicità eppure sia capace di irradiare con questi piccoli una gioia spesso sconosciuta dalle nostre parti.

Ma. Lu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore