/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 18 novembre 2021, 07:40

Un altro piccolo grande dono da suor Marcella: il sorriso di Rebecca

Sei anni, anche la piccola è stata affidata alla religiosa dalla mamma: che la adora, ma non sa più come prendersene cura. Ad Haiti il dramma continua

La meravigliosa Rebecca e sotto la casa di Toti

La meravigliosa Rebecca e sotto la casa di Toti

Uno spettacolo. Suor Marcella Catozza la definisce così e la fotografia che ci manda lo grida: Rebecca è proprio stupenda

Ha 6 anni, un sorriso che cattura, una dolcezza immensa. La sua mamma la adora. Rebecca però deve lottare di più rispetto ad altri bambini, qua ad Haiti. È nata con la sindrome di Down. In Paesi come il nostro, potrebbe avere adeguato supporto, una formazione e trovare un lavoro come tanti ragazzi fanno. Ad Haiti, tutto questo non esiste

Ecco perché sua madre ha preferito affidarla a suor Marcella e alla sua comunità: «Le vuole un bene grande...» sottolinea la missionaria bustocca, che in questi giorni ci sta affidando le storie dei suoi bambini, mentre le bande dilagano e le sofferenze bruciano. Ce le affida, chiedendo a gran voce aiuto - a partire da quei ragazzini che hanno studiato in Italia e l'hanno dovuta ugualmente lasciare - perché si ricordi ciò che sta accadendo. Perché si rammenti che ogni storia è un volto, un cuore.

Quella di Rebecca può sembrare una storia triste e lo è, perché c'è una guerra sporca e atroce che minaccia la comunità e le vite. Ma nel profondo, è una storia d'amore. Quello della mamma, che fa una rinuncia così drammatica, ovvero non la tiene con sé, per darle più chance. Quello di suor Marcella e coloro che sono accanto a lei a prendersi cura dei bambini, a partire dai ragazzi con disabilità.

 «Dobbiamo scrivere cose belle perché la Bellezza vince sul male e noi ne facciamo esperienza tutti i giorni in questo paese disgraziato» assicura suor Marcella. Diversi di questi bimbi vivono in una casetta che si chiama Toti: significa piccole tartarughe. Sono piccoli che hanno maggiori difficoltà, ma anche una certezza: «Perché sono i bimbi più lenti ma saranno i più veloci ad entrare in Paradiso! I disegni li ha fatto Richelo, il ragazzo più grande della casa che fa 17 anni a dicembre ed ha studiato due anni in Italia prendendo il diploma di terza media».

 

Ma. Lu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore