Attualità - 21 novembre 2021, 10:00

Haiti, l'unica battaglia buona: quella delle cuscinate tra i bimbi. Ma poi arriva un ragazzo ferito da una pallottola

Momenti di serenità e gioco mentre si attendono gli sviluppi nel Paese. La violenza è però sempre in agguato: lo racconta un altro ferimento

Haiti, l'unica battaglia buona: quella delle cuscinate tra i bimbi. Ma poi arriva un ragazzo ferito da una pallottola

Una battaglia buona si è scatenata ieri ad Haiti, nella casa d'accoglienza Kay Pè Giuss. È dolcissima e spalanca il cuore, perché rientra in quei momenti di normalità, che per i bambini sono serenità e gioco. Ma la violenza è sempre in agguato, perché poi è arrivato un ragazzo ferito dalle baracche.

Nel nostro racconto quotidiano, per infrangere il silenzio internazionale su Haiti e sulla situazione a rischio dei bambini di suor Marcella Catozza, rivediamo quanto accade tra i piccoli disabili.

«Erano già a nanna, luce spenta, nel momento in cui le signore del turno di notte si fermano sedute sugli scalini delle casette cedendo alla stanchezza della giornata - racconta la missionaria bustocca - Chi mangia quello che si è portato da casa, chi parla al telefono con i cari a casa, chi ascolta la radio per capire come sarà il paese domani. Così piano piano, coperta dal buio ho raggiunto la casa dei Toti e il mio piccolo esercito è subito scattato in piedi armato di cuscino».

Risuona un vero e proprio appello: «I primi a rispondere sono Mykebens, Daniela, Fredline e Mislene. La sera mi aspettano per il bacio della buonanotte e per la battaglia a cuscinate da cui non sempre esco vincitrice!».

A questo punto l'azione viene preparata: «Così abbiamo tentato la sortita non visti dalle educatrici ma visto dai bimbi della Kay che sono scattati in piedi e si sono uniti all’esercito. Al grido di BATAY AK MADAME, guerra alle educatrici, abbiamo invaso il giardino della Kay prendendo a cuscinate le educatrici che scappavano a nascondersi. I ragazzi più grandi richiamati dal rumore si sono uniti alla caccia e pescavano le madame nei loro nascondigli. Vittoria strepitosa».

A questo punto mancava una sola cosa: «Dopo aver proclamato la liberazione della Kay dal potere degli educatori ho anche proclamato lo stato indipendente della Kay Pè Giuss e dopo un segno della croce… tutti a nanna al grido di buonanotte al secchioooo...».

La quiete dopo la tempesta di gioco. 

Ma fuori, la tempesta vera e brutale continua. «Intanto è arrivato un ragazzo dalla baraccopoli vicina che seduto davanti alla sua baracca si è preso una pallottola vagante che gli ha trapassato il ginocchio» si conclude il racconto di suor Marcella.

Marilena Lualdi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU