Busto Arsizio - 22 novembre 2021, 12:21

Camminaforeste: una passeggiata nel Pam tra flora e fauna

Oltre una sessantina di partecipanti. L'iniziativa ha avuto un buon successo. Illustrate la storia dei boschi e delle specie, avvistati un picchio verde e una civetta al calare del buio. In Cascinetta-Centro Parco piantata una quercia di 5 metri nelle festa dell'Albero

Camminaforeste: una passeggiata nel Pam tra flora e fauna

Dopo il convegno di venerdì sui Plis (Parchi locali di interesse sovracomunale) e le piantumazioni di nell'ambito dell'iniziativa “Alberi per la vita 2021”, domenica si è svolto il Camminaforeste con oltre una sessantina di partecipanti. L'iniziativa organizzata nell'ambito del progetto promosso dall'Ersaf con Legambiente BustoVerde, Circolo Laudato Sì Busto ed il patrocinio del Parco Alto milanese.

La passeggiata si è svolta all'interno del Pam. Mario Paganini, tecnico, agronomo e specialista di piantumazioni, ha illustrato le caratteristiche e la storia dei boschi, dai due roccoli passando per le piantumazioni recenti, le querce ed i carpini. Non sono mancate illustrazioni del faunista ornitologo Andrea Viganò, con momenti di avvistamento di vari uccelli tra cui un picchio verde e una civetta al calare del buio.

«Camminaforeste è un evento in linea con la direzione intrapresa di spiegare e diffondere l’educazione ambientale e valorizzare il territorio - spiega il presidente del Consorzio Pam, Davide Turri - per accrescere il rispetto e la consapevolezza verso il nostro parco. Nel giorno dedicato alla festa nazionale dell’albero piantare una quercia alta circa 5 metri, già grande e vigorosa, rappresentata un segno tangibile dell'impegno per l'ambiente e per le nostre foreste».

La quercia è stata collocata in Cascinetta - Centro parco in via Guerrini a Busto Arsizio, come prima pianta davanti ad un recente impianto.

«Un fine settimana importante che ha visto molte forze della città impegnate per l'ambiente – la chiosa dell'assessore alla città futura e pianificazione territoriale del Comune di Legnano, Lorena Fedeli - Siamo di fronte ad un cambiamento culturale che si percepisce a molti livelli, la “guerra al Covid” ha aperto degli spazi di riflessione sulla qualità della vita, sulla necessità di migliorare l'ambiente che ci è prossimo e che forzatamente abbiamo dovuto abitare nei periodi di lockdown.

Un'occasione che dobbiamo cogliere per migliorare la nostra città ed il nostro territorio, sfruttando anche i finanziamenti che vengono messi a disposizione a livello nazionale ed internazionale».

Raffaele Specchia

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU