Ieri... oggi, è già domani | 22 novembre 2021, 06:00

Epèntesi a cura del prof. Giorgio Cortolillo

Similemente - "il mal seme d'Adamo / gittansi di quel lito ad una ad una / per cenni, come augel per suo richiamo (Dante Alighieri)

Epèntesi a cura del prof. Giorgio Cortolillo

Similemente - "il mal seme d'Adamo / gittansi di quel lito ad una ad una  / per cenni, come augel per suo richiamo (Dante Alighieri).

L'avverbio similmente preferito dai poeti d'altro tempo a similmente, contiene fra le consonanti "elle" ed "emme", l'aggiunta della vocale "e" per epèntesi. E si arguisce che, l'epèntesi dal latino epenthesis - is è l'aggiunta di una lettera all'interno di una parola per ragione di stile.

L'epèntesi, diffusa nella poesia antica ha il valore di licenza poetica. L'epèntesi è un fenomeno fonologico facoltativo che accresce la forma di una parola per addizione di una vocale o di una consonante intermedia "non etimologica" (estranea all'etimologia della parola che subisce l'epèntesi), detta  "epentètica" perchè costituisce l'epèntesi.

Ebbene?

L'epèntesi è chiamata: a) vocalica quando la lettera epentètica è una vocale (e - i) come per esempio in "umil(e)mente" e "d(i)reto" - b) consonantica, quando la lettera epentètica è una consonante (l-r) come per esempio "Annibal(l)e" ed "Ettor(r)e".

L'epèntesi vocalica è conosciuta anche con il nome di "anaptissi" dal greco "anàptyksis" che vuol dire "svolgimento", "soluzione".  Essa serve a modificare eufonicamente la forma di una parola, perchè interrompe una successione di consonanti e crea una nuova sillaba. Esempio: "icchs" (monosillabo), grazie all'anaptissi, diviene "ic/ch(e)s" (bisillabo).

Lo stile definito in modo semplice è il particolare mezzo espressivo scelto o inventato da chi vuole caratterizzare ciò che crea secondo le proprie occorrenze artistiche. La licenza poetica è la facoltà riconosciuta al poeta di deviare da una norma linguistica, grammaticale o metrica per esigenza artistica o contingente.

CAMPIONARIO DELL'EPENTESI:

Anderà per andrà - "ei diritto anderà; tale io diviso" (A.Manzoni)

Ettorre per Ettore - "mirabil opra! che dal fiero Ettorre nol fa sicuro ancor"  (V.Monti) - icchese per icchse "il somaro dalle gambe a icchese aveva gettato a Pennino e ad Alpe il suo raglio" (C.E. Gadda). - Similemente per similmente - "similemente a colui che venire, sente il porco e la caccia alla sua posta" (Dante Alighieri). - Umilemente per umilmente - "O santa Fede, al tuo nume divino, cantor devoto umilemente inchino" (T.Tasso).

CURIOSITA'

Il comunissimo sostantivo maschile "mercoledì" deriva da "mercoldì" per epèntesi della vocale "e". - Si legge : a) in uno scritto del passato : "tre o quattro colonne dell'Ariosto furono spedite martedì sì che tu avresti dovuto riceverle in Roma la mattina di mercoldì (G. Carducci). - b) in uno scritto del presente: "era la sera del mercoledì: la sua felicità era durata due giorni" (C. Cassola).

Giunti a questo punto, sia il Lettore (in primis) sia il sottoscritto che ha trascritto l'acuta lezione del prof. Giorgio Cortolillo, autore dei "fenomeni fonologici" meritano una riflessione e una considerazione ....stupendo l'evolversi della "parlata italiana". Da apprendere.

Nota dell'autore - per i due o tre Lettori che seguono il "travaglio" dello studio della Lingua Italiana, si sappia che ....non ci fermiamo qui. Andiamo avanti: il prof. Cortolillo va onorato.

Gianluigi Marcora

Leggi tutte le notizie di IERI... OGGI, È GIÀ DOMANI ›

Leggi anche

lunedì 06 dicembre
venerdì 03 dicembre
martedì 30 novembre
sabato 27 novembre
mercoledì 24 novembre
venerdì 19 novembre
martedì 16 novembre
sabato 13 novembre
mercoledì 10 novembre
lunedì 08 novembre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore