Ieri... oggi, è già domani | 24 novembre 2021, 06:00

"pàn al pàn... ven al ven" (pane al pane... vino al vino)

"pàn al pàn... ven al ven" (pane al pane... vino al vino)

A sentire parlare Giuseppino sul "tempo che fugge" scopro una specie di nostalgia e quasi di "rammarico" per la vita che va. Col "panta rei" colgo... l'attimo fuggente e la voglia giovane di lasciare una "impronta", cogli esempi. Lo dico, a Giuseppino. Glielo dico. Lui, ha tanti esempi da mettere in luce. Non sempre "ascoltati", ma, a pensarci bene, proprio i suoi esempi di vita, lasciano il segno.

Giuseppino parla dei "momenti grami" di una gioventù vissuta alacremente dentro il lavoro. Senza sacrifici, non si arriva al successo... (cos'è, poi, il successo?) impunemente. Giuseppino, tuttavia, si schernisce e sminuisce quanto ha prodotto e quanto ha insegnato a chi lo ascolta.

La caparbietà di quest'uomo è proverbiale. E, per il bene di chi lo ascolta, narra di certe vite vissute al suono della sirena della fabbrica, a quanto lui ha consigliato nell'agire, a come certi propositi sono diventati certezze.

Sul Dialetto Bustocco, Giuseppino mi fa da maestro. Il suo (ed io l'ho scritto) è un Dialetto "da strada". Forse non è forbito o elegante come gli studiosi vorrebbero, ma è il Dialetto che si fa sentire, che mostra gli esempi del vissuto, che è parlato dagli autentici Bustocchi che "sono venuti su" nella semplicità, coi valori di vita inconfutabili, ma difesi a oltranza.

Dentro il libro che ho scritto e che ho voluto dedicare proprio a lui "ul Giusepèn" c'è la vita dentro. Il porsi agli altri. La voglia giovane di scoprire il mondo. Il coraggio di "sfidare" la vita, rispettandola. Giuseppino l'ha fatto e mi ha pure insegnato a dire grazie alle generazioni che hanno "avuto nulla" neanche un grazie, dalle generazioni successive.

Lo scopo di "ul Giusepèn" (parlo del libro) è propositivo: dire grazie ai nostri nonni e a quei familiari che si sono battuti dentro il sacrificio, per cogliere il meglio, creando quel benessere che non ci è pervenuto "per caso", ma lo si è conquistato a suon di volontà, di privazioni e di sacrifici. Nessuno mai ha pensato alla ....senilità. L'ha fatto Giuseppino istigandomi a scrivere un libro che all'apparenza avrebbe avuto pochi Lettori, ma che, nella sostanza "sta andando bene" quasi in maniera inaspettata. Sarebbe bene che Figli e Nipoti leggessero ai Nonni, il libro. Quantomeno... otterrebbero un sorriso, autentica dichiarazione di affetto.

"ul Giusepèn" sarà presentato ufficialmente il 2 dicembre prossimo, ore 18 presso la nuova Biblioteca comunale in Busto Arsizio: "nuova" per come è stata allestita, curata, seguita. Per me è un onore esserci e un onore importante "dare dei numeri" prim'ancora di manifestare stupore per questo successo sperato, ma che si sta concretizzando, smentendo le ipotesi.

"ul Giusepèn" è oltre le 1.900 copie vendute. Senza alcuna presentazione (lo ripeto, la prima è quella che avrà luogo il 2 dicembre prossimo alle ore 18 presso la Biblioteca civica di Busto Arsizio), si sono registrate vendite per millenovecento copie. E Giuseppino quasi mi "impone" di dire (chiaro e tondo) che sono disponibili le "pezze giustificative" (fiscali) delle copie vendute. Anche per evitare (da parte mia) di... mandare a quel paese... qualche invidioso che s'è permesso... non di confutare  la mia versione, ma di ironizzare sulle copie vendute, con una frase becera che suona così... "le avrà comprate tutte lui"... al che, non ho potuto tacere, ma ho dovuto rispondere con un'unica parola (rivolta a colui): CRETINO.

"ul Giusepèn" è in vendita presso la Libreria Boragno via Milano 4 Busto Arsizio.

Quel che è seguito è solo un chiarimento e Giuseppino mi abbraccia per la fermezza che ho manifestato nella risposta. Giuseppino mi fa notare che non ho scritto nel pezzo, nessuna parola in Dialetto e... lascio a lui il commento finale che è "t'e fèi ben" (hai fatto bene) - "pàn al pàn ...ven al ven" (pane al pane...vino al vino)... vecchio detto per dire a chi millanta la verità... prendi nota e, medita... sulle faccende serie (fra cui la vendita del "ul Giusepèn") non si scherza.

Gianluigi Marcora

Leggi tutte le notizie di IERI... OGGI, È GIÀ DOMANI ›

Leggi anche

venerdì 03 dicembre
martedì 30 novembre
sabato 27 novembre
lunedì 22 novembre
venerdì 19 novembre
martedì 16 novembre
sabato 13 novembre
mercoledì 10 novembre
lunedì 08 novembre
sabato 06 novembre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore