/ Calcio

Calcio | 26 novembre 2021, 07:00

STADIO APERTO. «Presidente, per voi la Pro Patria sarà una cosa seria?». La risposta: «Ci metterò tutta la passione»

Domenico Citarella in trasmissione: «Io sarò qui, non farò il presidente da Napoli. Migliorie adesso, costruire poi una squadra per le parti alte della classifica». E su Maradona... La presidente onoraria Patrizia Testa: «Tranquillizzo i tifosi, giocatori e staff»

STADIO APERTO. «Presidente, per voi la Pro Patria sarà una cosa seria?». La risposta: «Ci metterò tutta la passione»

«Presidente, guardi negli occhi i tifosi. La Pro Patria per voi è una cosa seria?». Al termine della puntata di Stadio Aperto con Marilena Lualdi e Alessio Murace, è questa la domanda che rivolgiamo a Domenico Citarella.

Lo facciamo, dopo che lui si è raccontato, che ha ribadito la bontà del progetto giovani, ma anche l'importanza di potenziare la squadra e di far tornare i tifosi allo stadio. I tifosi, però, sono scottati da anni di delusioni, prima dell'avvento di Patrizia Testa. In queste ore la preoccupazione è divampata anche per la vicenda giudiziaria che riguarda il presidente del consorzio Sgai, Roberto Galloro. Noi non c'entriamo, hanno dichiarato sia il consorzio sia lo stesso Citarella. 

Ma i supporter della Pro Patria sono preoccupati e chiedono garanzie. Invitiamo Citarella a guardare dritto nella telecamera: «L'unica cosa che posso dire, è che metterò tutta la mia passione per il calcio. Per far sì che i tifosi tornino allo stadio e che la squadra inizi ad avere risultati. Il mio impegno è essere qui, presente, non farò il presidente da Napoli. Porteremo la Pro Patria a un livello superiore, sperando di arrivare agli obiettivi che ci siamo prefissati». 

Durante la puntata, Citarella fa dei distinguo fra progetti immediati e a lungo termine. «La prima cosa è rimanere in serie C. La seconda è costruire una squadra nelle parti alte della classifica». Dice anche che Sgai crede nel progetto giovani e ha massima fiducia nel direttore sportivo Sandro Turotti, come conferma quella all'allenatore Luca Prina.

«La Pro è una società storica, ha avuto come tutti alti e bassi. L'importante è che siamo qua a portare avanti un lavoro eccezionale con Patrizia Testa. Per far sì che la Pro torni a piegare il Napoli...». L'ultima è una battuta che scaturisce da un vecchio articolo consegnato da Giorgio Giacomelli. E poi il discorso non può non spostarsi su Maradona, vista la ricorrenza della scomparsa ieri.

Intanto, anche Patrizia Testa analizza la situazione nella trasmissione: «Voglio tranquillizzare i tifosi, i giocatori, lo staff. Io resto accanto alla Pro. La decisione di spostare la conferenza stampa dal Comune allo stadio? È mia, per scorporare ciò che qualcuno ha unito per polemica».

GUARDA LA PUNTATA

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla Pro Patria e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 347 2914992
- inviare un messaggio con il testo PRO PATRIA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PRO PATRIA sempre al numero 0039 347 2914992.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore