Attualità - 27 novembre 2021, 07:00

Haiti, un treno speciale di canti che dovrebbe sempre sfrecciare senza angoscia

Questa volta suor Marcella Catozza ci offre il video dei bimbi che lasciano la Kay per andare alla scuola materna

Una sequenza del video di questo speciale "treno"

Una sequenza del video di questo speciale "treno"

C'è un ultimo, irresistibile treno che parte la mattina ad Haiti. È quello composto da tanti bambini, diretti verso la "stazione" della scuola materna della missione.

Immagini che ci porge suor Marcella Catozza per trasmettere ciò che possono, ciò che dovrebbero sempre vivere i piccini: serenità, gioia, canti, lezioni. Senza l'incubo della guerra e della violenza.

Quest'ultima, invece, minaccia sempre Haiti e resta l'angoscia quotidiana di prendersi una pallottola come il piccolo Petersen o di veder esplorare ancora di più la spietatezza delle gang. 

Quei bimbi che si mettono in fila, cantano e salutano la missionaria bustocca, vengono guidati dagli educatori, restano un segno di speranza. Che tuttavia tocca agli adulti trasformare in realtà.

La coda diligente, il piccolo che si gira per salutare o per essere meglio immortalato nel video, quello che arriva di corsa per ultimo: sono immagini che potrebbero essere dei nostri bambini. E lo sono, perché questi figli di Haiti sono anche di Busto, dell'Italia, del mondo.

GUARDA IL VIDEO

Marilena Lualdi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU