Ieri... oggi, è già domani | 27 novembre 2021, 06:30

"fatu me aqua"....(insipido come l'acqua)

A leggere qua e là, senza acredine alcuna, Giuseppino comincia col dire "ghe genti che, verdi buca, ga egn foea paòl"

"fatu me aqua"....(insipido come l'acqua)

L'essere "insipido" vuol dire anche "sciapo, sciocco, senza vivacità, senza immaginazione", proprio quello della persona di ....poco sale nella zucca. Giuseppino è categorico. Ce ne sono in giro tanti, sentenzia. E lui sa, Giuseppino che, prima di parlare, ha pensato, ponderato e con la sua proverbiale sagacia, ha sentenziato.

A leggere qua e là, senza acredine alcuna, Giuseppino comincia col dire "ghe genti che, verdi buca, ga egn foea paòl" (c'è gente che ad aprire bocca, escono parole!).....c'è da dire: si, ma quali parole? Il "dilemma" merita riflessione...piena, ma leggera, per non farsi abbindolare da chi vorrebbe sempre avere ragione; prim'ancora d'avere impostato un dialogo.

L'esempio va a cadere sui sofisti (maestri di retorica) o sui "sobillatori" che fanno delle parole un mestiere, mentre le parole devono servire per il confronto. Ce l'ha, Giuseppino, con chi fa dell'inaudito, un dato di fatto e, nella fattispecie, Giuseppino, ce l'ha con chi ha giudicato e non ha avuto la prova delle stesse proprie parole.

Più che mai, Giuseppino analizza il suo ...."ul Giusepèn" di cui è ispiratore e protagonista, con la vita analizzata e commentata, nel segno della verità. Per un semplice motivo: l'ha vissuta.

Qui Giuseppino fa emergere la sua sentenza.... con una semplice domanda: se circa duemila persone hanno acquistato "ùl Giusepèn" e molte delle quali lo hanno valutato positivamente, come è possibile che chi NON ha letto il libro, l'ha bollato con un diniego? Giuseppino va oltre la riflessione...."in invidiusi" (sono invidiosi) e "gan naguta da fò e i spudan velèn" (hanno nulla di meglio da fare e sputano veleno).

La saggezza proverbiale di Giusepèn va oltre la bieca censura...."va'nnanzi pàa to stròa .... i muon i fan non u uga" (vai avanti per la tua strada -rivolto a me- i gelsi non producono uva).

Val la pena ricordare che i "muon" (gelsi) erano molto in auge quando a Busto Arsizio e zona si esercitava la coltura del baco della seta. Il gelso è una pianta arborea delle Moracee, foglie cuoriformi, di cui si nutrono i bachi da seta, con frutti composti bianchi simili a more. Quindi si diceva che il gelso non può produrre uva. Quei frutti hanno nulla a che vedere con l'uva, come .... l'invidioso ha nulla a che vedere con chi azzarda uno scritto, una narrazione su come si viveva un tempo.

Giusepèn, ne è testimone e ogni modo espressivo, ogni parola, ogni "costume" è avvalorato da una diretta testimonianza, per averla vissuta. Da qui, nasce ....l'insipido, dedicato a chi non avendo vissuto e nemmeno ascoltato un diretto testimone va a piluccare in un campo a lui sconosciuto. Non parliamo poi di chi, pur avendo l'età, non ha avuto "vita grama o di stenti", ma s'è fatto mantenere nel lusso e nello sfarzo per arrivare a un traguardo. La vita offre prove e senza averle affrontate, non le si può testimoniare.

"ul Giusepèn" serve a .... rendere giustizia a una generazione di persone che ci ha offerto il ... valore dei valori, la voglia di combattere per un ideale, il sacrificio, la solidarietà e .... per dire grazie a queste persone di età avanzata che ci hanno fornito il benessere, è necessario raccontare loro la loro stessa vita. Per gratificarle!

Arriverà un "ma ragordu" (mi ricordo) e un grazie sincero suggerito dalla riconoscenza. per avere dedicato loto uno sprazzo di gioia. Figli e Nipoti leggano ai loro Nonni o Genitori "ul Giusepèn" e sentiranno il cuore fibrillare di gioia.

 

 

Gianluigi Marcora

Leggi tutte le notizie di IERI... OGGI, È GIÀ DOMANI ›

Leggi anche

venerdì 21 gennaio
martedì 18 gennaio
sabato 15 gennaio
mercoledì 12 gennaio
domenica 09 gennaio
Il "marchettaro"
(h. 06:00)
giovedì 06 gennaio
martedì 04 gennaio
Fenomeni fonologici
(h. 06:00)
sabato 01 gennaio
mercoledì 29 dicembre
sabato 25 dicembre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore