/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 28 novembre 2021, 08:00

Cappuccetto Rosso? Si fa aiutare dal digitale per raggiungere la nonna

Una mattina speciale nella scuola Bertacchi di Busto Arsizio dove è stata inaugurata l'aula innovativo-creativa

Cappuccetto Rosso? Si fa aiutare dal digitale per raggiungere la nonna

Un'aula innovativo-creativa. Dove mettere in campo i propri talenti è ancora più affascinante.

Alla scuola Bertacchi  con la dirigente Fabiana Donatella Ginesi, i rappresentanti dei genitori e del Consiglio d'Istituto ecco protagonisti: i bambini delle classi 4^ A e 4^B, guidati dalle loro insegnanti e soprattutto da Nora Iomini.

Animano l'inaugurazione con scambio di battute recitate in apertura per introdurre l'evento, ballo di gruppo sulle note di “Dynamite BTS” e presentazione/dimostrazione della dotazione presente in aula.

Come? Tablet per la dimostrazione dell'applicazione online “Wordwall”, computer per la spiegazione del software gratuito Learning Apps, e poi libro digitale, tappeto del Coding per la simulazione del percorso fatto da Cappuccetto Rosso per raggiungere la casa della nonna attraverso le istruzioni date dal narratore, secondo il linguaggio del Coding...  BeeBot per la dimostrazione di un percorso programmato per raggiungere una meta attraverso una serie di comandi. 

Davvero un'aula innovativo-creativa quella realizzata attraverso i fondi ottenuti dalla partecipazione al Piano nazionale scuola digitale. Questo passando dalla creazione di “Ambienti di apprendimento innovativi” e utilizzati per l'acquisto di device tecnologici quali la tavoletta grafica, l'ingranditore digitale, una LIM di ultima generazione, un laptop, le BeeBot per esercitare il pensiero computazionale (le api che si muovono secondo le istruzioni date da un conduttore) che si aggiungono ai kit di LEGO WeDo già presente a scuola. E ancora arredi funzionali tipo i banchi multi aggregabili per sfruttare la cooperazione e l'utilizzo dei device, l'armadio pieghevole per il materiale creativo, il tappeto del Coding per sperimentare concretamente il pensiero computazionale, i cubi dell'angolo morbido dove rilassarsi e leggere, il leggio per la lettura in piedi.

Gli obiettivi della progettazione? Creare un ambiente di apprendimento collaborativo, facilitare l'utilizzo dei device, progettare un ambiente stimolante per la creatività,  realizzare storyboard da concretizzare con il tappeto del Coding Slogan enunciato e descritto dall’insegnante Sara Pecora, ideatrice dell'aula, che unisce innovazione e creatività: “Stay hungry stay foolish!” di Steve Jobs. 

La dottoressa Fabiana Ginesi alla fine dell'inaugurazione ha ricordato: «Se vuoi fare prima, corri da solo, ma se vuoi andare lontano, prendi per mano altre persone e falle camminare con te, siate affamati di sogni e pronti a rischiare per realizzarli con impegno e fatica».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore