/ Calcio

Calcio | 31 dicembre 2021, 17:55

Pro Patria, non si ripartirà il 9 gennaio

La partita casalinga contro il Trento è rimandata al primo febbraio. Troppa preoccupazione da parte della Lega Pro per la situazione Covid sul campionato di serie C

Il presidente della Lega Pro Ghirelli

Il presidente della Lega Pro Ghirelli

La ripartenza deve attendere: i tigrotti non scenderanno in campo il 9 gennaio contro il Trento, per provare a prendersi la doverosa rivincita dopo la sconfitta dell'andata (LEGGI QUI).

Una decisione, dettata dalla Lega Pro e scaturita dalla situazione della pandemia con l'impatto sul campionato. 

Ora la conferma ufficiale è arrivata.

«Aurora Pro Patria 1919 - dice una nota della società biancoblù - comunica che il Presidente della Lega Pro, sentiti i membri del Consiglio Direttivo, considerate le condizioni di incertezza e il periodo estremamente delicato derivante dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 ha disposto il posticipo della seconda giornata di ritorno del Campionato Serie C 2021/2022 come di seguito riportato: 2 febbraio 2022 anziché 9 gennaio 2022». In realtà, poi si è optato per il primo febbraio, martedì, anche perché si giocherà (Pro-Lecco) sabato 5 febbraio.

Ha spiegato intanto il presidente della Lega Pro Ghirelli: «Ho riflettuto a lungo, ci troviamo in una situazione di incertezza a causa dei contagi da pandemia. Siamo consapevoli del ruolo sociale che rappresenta il calcio. Guardiamo, con estrema attenzione, alle misure che il governo Draghi ha preso e sta per prendere per fronteggiare la quarta ondata della pandemia in Italia e ne condividiamo l’impostazione. Preoccupa l’aumento esponenziale, giorno dopo giorno, del numero dei contagiati».

E ancora precisa: «Rinviare una giornata di campionato determina certamente disagi e crea problemi sul come e quando recuperare, ma, usando intelligenza ed esperienza, saremo in grado di trovare la soluzione».

L'attesa è chiara: «Entro il 10 gennaio il Governo, con la guida della autorità sanitarie, emanerà nuove disposizioni in materia di prevenzione e tutela della salute e ciò renderà le norme da applicare ancora più chiare. Giocare, invece, significherebbe determinare l’afflusso di spettatori negli stadi, con ulteriori rischi di focolai. I dati epidemiologici provenienti dai club ci indicano una situazione variegata».

 

Ma. Lu.


Vuoi rimanere informato sulla Pro Patria e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 347 2914992
- inviare un messaggio con il testo PRO PATRIA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PRO PATRIA sempre al numero 0039 347 2914992.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore