/ Storie

Storie | 04 gennaio 2022, 08:15

«Aiutateci a offrire una nuova vita ai conigli della Gorgona»

L'associazione Vitadacani con Porcikomodi nel Milanese sta cercando adozioni responsabili per queste bestiole. Ne sono state salvate 65: «In gabbia ci sono già state, ora meritano felicità»

«Aiutateci a offrire una nuova vita ai conigli della Gorgona»

Un coniglio per amico. Anzi 65: tanti sono stati accolti dall'associazione milanese Vitadacani, con Porcikomodi presente anche a Magnago.

Obiettivo della campagna lanciata nel territorio: trovare una casa per queste bestiole, un'adozione responsabile.

«Siamo stati coinvolti da Lav nel progetto di ricollocazione degli animali detenuti sull’isola di Gorgona effettuando sopralluoghi e organizzando il trasferimento - si spiega - Quando siamo andati sull’isola abbiamo accolto nelle nostre mani tutti i 65 conigli detenuti a scopo alimentare». Sottolineando: «L’emozione del donare la libertà a qualcuno è incommensurabile e cancella la stanchezza dovuta al lavoro che avviene dietro ogni liberazione, che non viene mai mostrato». Un'emozione che è stata condivisa con i detenuti che se ne curavano.

Dopo l'operazione, è scattata la campagna della ricerca di case per i conigli. «Stiamo  cercando adozione ai conigli xl provenienti dall'isola di Gorgona. Verranno affidati sterilizzati e con obbligo di libertà, se in esterno con recinti anti predatori - viene precisato - In gabbia ci sono già stati, hanno già dato».

La preferenza è rivolta su Nord e Centro Italia, questo - viene ribadito - soltanto per risparmiare agli animali viaggi lunghi e stressanti.

Come si può fare richiesta? Mandando una mail QUI  oppure un messaggio su WhatsApp al 3496386171. L'importante è capire che i conigli hanno bisogno di una casa per sempre, un luogo dove essere liberi e felici senza pensieri. Senza sbarre.

Ma. Lu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore