/ Legnano

Legnano | 13 gennaio 2022, 11:09

Gli obiettivi dei prossimi bandi: riqualificazione stalle del Castello e valorizzazione degli edifici della cultura lungo l’Olona

Per Legnano, anche parchi e mobilità dolce intercomunale fra le voci da finanziare con il Pnrr

Gli obiettivi dei prossimi bandi: riqualificazione stalle del Castello e valorizzazione degli edifici della cultura lungo l’Olona

L’amministrazione comunale punta alla riqualificazione dei propri immobili di valenza culturale collocati lungo il fiume Olona con le prossime richieste di finanziamento attraverso i bandi. Con il primo di questi, il bando regionale “Autonomia e cultura”, Legnano chiede 1 milione di euro per cofinanziare la riqualificazione delle stalle del Castello (importo massimo assegnabile per un progetto che vale poco meno di 1,5 milioni di euro), mentre con gli altri Comuni del territorio parteciperà al “Piano Integrato Altomilanese”, coordinato da Città Metropolitana e finanziato con le risorse del Pnrr per la valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale rappresentato da alcuni edifici lungo il fiume Olona e dai Parchi Alto Milanese e Castello. Queste richieste di finanziamento sono state illustrate dall’assessore Marco Bianchi nella commissione “Città bella e funzionale” tenutasi ieri pomeriggio.

«L’amministrazione, sfruttando le tante opportunità di finanziamento aperte, è impegnata sin dal suo insediamento a intercettare possibilità di reperire risorse partecipando a bandi - sottolinea Bianchi -. Dopo i venti milioni ottenuti lo scorso anno per la rigenerazione urbana e finalizzati all’housing sociale (Pinqua) e per lo sviluppo urbano sostenibile nell’ambito della strategia “La scuola si fa città”, ci concentriamo adesso su altri temi che ci stanno a cuore, la valorizzazione del nostro patrimonio culturale e ambientale. Si tratta di un’opportunità importante per dare forma a quell’obiettivo, “un fiume di cultura”, che avevamo dichiarato in campagna elettorale: l’asse dell’Olona, in questo senso, nel suo tratto dal museo civico al Castello e al Parco, costituisce un unicum presentando valenze culturali, storiche, paesaggistiche e ambientali, oltre a far parte di quel sistema di mobilità dolce che stiamo lavorando per migliorare ed estendere».

Nello specifico, attraverso il bando regionale, nelle stalle del Castello si progetta di realizzare, su due livelli, spazi polivalenti per eventi culturali e altri destinati alla residenza artistica. Questo intervento, da concordarsi con la Soprintendenza, permetterà il recupero di una parte del Castello oggi ridotta a rudere e vedrà le nuove funzioni collegarsi e completare quelle già esistenti nell’edificio storico.

Per il bando finanziato con i fondi del Pnrr, Legnano consegnerà entro la fine del mese di gennaio i progetti al Comune capofila, Parabiago; questi saranno inviati a Città Metropolitana che li valuterà, selezionerà e sottoporrà al Governo all’interno di un progetto formulato dai Comuni del Legnanese e del Castanese che dovrà avere un importo minimo di 50 milioni di euro. Il Piano integrato ha come finalità la valorizzazione dell’intero territorio dell’Alto Milanese partendo dalla riqualificazione ambientale e dalla mobilità sostenibile sugli assi dell’Olona e del canale Villoresi dando a ogni Comune la possibilità di progettare in questi ambiti specifici progetti di rigenerazione.

La consistenza economica degli interventi che Legnano proporrà si aggira sui 10 milioni di euro e i progetti di fattibilità tecnico economica riguardano i seguenti edifici: il museo civico “Sutermeister”, la Torre Colombera, l’attuale sede della Croce Rossa Italiana e l’immobile liberty (ex palestra), il Palazzo Leone da Perego, la suineria dell’ex Macello e il Castello visconteo. Agli interventi sugli edifici si aggiunge la proposta di un collegamento di mobilità dolce fra Comuni e la riqualificazione del Parco Castello. Il Parco Alto Milanese partecipa con un progetto (da oltre 300mila euro) di miglioria forestale, di ristrutturazione e completamento del percorso Pojeco e di sistemazione di tratti di sentieri. Resta inteso che la presentazione dei progetti non comporta l’accoglimento della totalità di questi.

Venendo agli altri finanziamenti richiesti, a breve dovrebbe essere pubblicata la graduatoria del bando “Sociale verde e sicuro”, cui il Comune ha partecipato con un progetto di efficientamento energetico che riguarda edifici con alloggi comunali (SAP) in Canazza e nell’Oltrestazione per un importo di 12 milioni. È di ieri la comunicazione sull’ammissibilità tecnica del progetto. Nel corso della commissione Bianchi ha anche informato sulle intenzioni dell’amministrazione riguardo gli interventi contemplati nella richiesta di 10 milioni di euro per il bando di Rigenerazione urbana, per ora non finanziata. In attesa di capire se la misura sarà rifinanziata con le risorse del Pnrr, come richiesto dai presidenti regionali di Anci, l’amministrazione si è impegnata a finanziare, con risorse proprie o con fondi ottenuti attraverso bandi, gli interventi che riguardano le seguenti strutture sportive: gli spogliatoi delle scuole Mazzini, Manzoni e Toscanini, gli spogliatoi del complesso di via dell’Amicizia, la riqualificazione del campo di via Parma (barriere acustiche, manutenzione fondo sintetico e separazione del percorso degli atleti dal giardino della scuola) e la pavimentazione delle palestre delle scuole Toscanini e Mazzini.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore