/ Attualità

Attualità | 20 gennaio 2022, 12:33

Ats Insubria: nel Varesotto 6.700 contagi in meno in sette giorni. Ma è boom di classi in quarantena

Il monitoraggio sulla situazione Covid in provincia: nell'ultima settimana 16.637 positivi contro i 23.414 di quella precedente. Aumentano i casi tra gli under 12: nelle scuole 706 contagi in sette giorni e oltre 4.500 alunni in quarantena

Ats Insubria: nel Varesotto 6.700 contagi in meno in sette giorni. Ma è boom di classi in quarantena

In provincia di Varese il virus rallenta, cala l'indice Rdt ma aumentano in modo importante i casi tra i bambini e le quarantene nelle scuole. E' il quadro che emerge dal monitoraggio di Ats Insubria sull'andamento del contagio sul nostro territorio.

Un quadro che fa segnare numeri assoluti in chiaro miglioramento: «Dopo settimane di crescita continua finalmente una buona notizia - ha spiegato il direttore sanitario dell'Agenzia, Giuseppe Catanoso - si è ridotto il numero dei nuovi positivi nonostante sia cresciuto il numero di tamponi analizzato. Anche l'indice Rdt è sceso sotto il livello 1, segno che l'espansione del contagio si sta riducendo. Tutto questo ci invita a un moderato ottimismo».

La parola va ai dati: nell'ultima settimana i contagi tra la popolazione della provincia di Varese si sono ridotti di circa il 30%. Dallo scorso 13 gennaio a ieri nel Varesotto sono stati eseguiti 112.061 tamponi che hanno individuato 16.637 nuovi positivi con un'incidenza ogni centomila abitanti di 1.864 casi. Nei sette giorni precedenti, dal 6 al 12 gennaio, i tamponi erano stati 109.715 e i nuovi casi accertati ben 23.414, con un'incidenza a 2.632. Una riduzione di 6.777 infezioni.

Il Covid si muove anche in modo differente: inevitabilmente dopo l'apertura delle scuole sono aumentati i casi di positività tra i bambini al di sotto dei 12 anni così come crescono le classi in quarantena. In provincia di Varese nella settimana tra il 10 e il 16 gennaio sono risultate in quarantena 478 classi per un totale di 4.561 alunni e 255 operatori scolastici. Sono stati invece 706 i casi positivi accertati.

Nel dettaglio le scuole più colpite risultano asili, nidi ed elementari. Nelle scuole dell'infanzia/nidi infatti si registrano 165 classi in quarantena con 1.561 alunni e 154 operatori, nelle primarie le classi ferme sono 150, per 1.369 alunni e 74 operatori. Nelle secondarie di primo grado risultano in quarantena 63 classi, con 805 alunni e 4 operatori, in quelle secondarie 100 classi, 836 studenti e 23 operatori. I casi di positività sono invece così suddivisi: 157 contagi per le scuole dell'infanzia/nidi, 230 per le primarie, 121 per le secondarie di primo grado e 198 per le secondarie di secondo grado.

«I casi nelle scuole sono numerosi - il commento di Ats Insubria - ma la preoccupazione resta relativa in quanto salvo rarissimi casi i bambini contagiati non hanno problemi di salute preoccupanti. Il problema maggiore riguarda le quarantene e e le difficoltà che tante famiglie incontrano nella gestione di queste situazioni».

Capitolo vaccinazioni: si va avanti tutta con 134mila somministrazioni totali effettuate sugli over 12 anni in provincia di Varese nelle due settimane dal 4 al 18 gennaio (6295 prime dosi, 4730 seconde dosi, 123.085 terze dosi). Per quanto riguarda il vaccino Pfizer pediatrico, destinato ai bimbi tra 5 e 12 anni, nel nostro territorio provinciale nello stesso lasso di tempo sono state eseguite 15.030 inoculazioni con 9.537 prime dosi e 5.493 seconde dosi.

Bruno Melazzini

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore