Calcio - 23 gennaio 2022, 15:23

Allo Speroni gli ultras contestano la nuova proprietà

I cartelli parlano delle attività di superbonus e poi chiedono: «E i soldi?». In coro: «Sgai ma quando te ne vai?»

Gli striscioni contro Sgai

Gli striscioni contro Sgai

Allo stadio Speroni gli ultras della Pro Patria hanno esposto striscioni di protesta prima del fischio di inizio del match contro il Piacenza. Scandendo anche cori contro il consorzio Sgai, attuale proprietario della maggioranza delle quote biancoblù: «Sgai, ma quando te ne vai».

Dopo il sequestro preventivo comunicato dalla Guardia di finanza di Napoli e la successiva dichiarazione della società napoletana, la tensione resta dunque alta. Sui cartelli mostrati dai sostenitori della curva tigrotta, una raffica di «Ecobonus 110... gestione pratiche... attività cantieristiche... e i soldi?».

Sgai - che ancora non ha un nuovo presidente se non pro tempore dopo l'arresto di Roberto Galloro - deve versare i soldi entro il 31 gennaio per completare le operazioni relative al passaggio societario. Patrizia Testa ha detto di essere pronta a tornare se fosse necessario.

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla Pro Patria e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 347 2914992
- inviare un messaggio con il testo PRO PATRIA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PRO PATRIA sempre al numero 0039 347 2914992.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU