/ Storie

Storie | 11 aprile 2022, 06:50

C'è un gol che fa urlare «più di quelli di Ibra»: è del piccolo campione ucraino a Busto

Tra i primi ragazzini ad arrivare, si è inserito a scuola, all'oratorio e ora in squadra: la gioia di don Giuseppe quando l'ha visto scendere in campo e segnare quasi subito. E poi raccontarlo a papà in una telefonata interminabile per la gioia. Con una lezione segreta, rivelata dal parroco

C'è un gol che fa urlare «più di quelli di Ibra»: è del piccolo campione ucraino a Busto

C'è un gol che non è annotato nelle grandi cronache sportive, eppure ha un valore incredibilmente superiore. Prova del nove: don Giuseppe Tedesco - parroco di San Giuseppe a Busto Arsizio - è un tifosissimo del Milan, ma assicura che ha «urlato come con un gol di Ibra, anzi di più!». A confermare l'importanza del caso, infatti, il calciatore che l'ha realizzato è un interista.

Scherzi a parte, è prima di tutto un campione della vita: uno dei ragazzini ucraini che don Giuseppe andò a prendere alla frontiera polacca, per metterli al sicuro dalla guerra. Questo bambino nei giorni scorsi ha potuto gustare un po' di normalità, alle medie dove è stato accolto con grande affetto. L'occhio, però, correva al campo dove si allena e gioca il Calcio San Giuseppe di cui è diventato il primo tifoso. Domenica, dopo tutte le visite del caso, è passato al ruolo di calciatore. 

Il debutto è stato anche sancito da un gol, e a ridosso dal momento dell'ingresso in campo: ha portato al pareggio e ha scatenato l'entusiasmo. Quello degli amici, poi è arrivato fino in Ucraina, perché il piccolo campione ha parlato con il papà al telefono e gli ha raccontato tutto nei dettagli. Passiamo questa gioia anche ai tigrotti, perché due settimane fa Riccardo Colombo, Filippo Ghioldi e Luca Pizzul, con il Tigrotto 1919 avevano conosciuto e giocato al calcio balilla con i ragazzini QUI.
E il campioncino che ieri ha segnato indossava la maglia con il numero 15, quello di Pizzul.

Nel Paese dilaniato dalla guerra, scendono gocce fresche come questa, la rassicurazione che i bambini sono accolti con tenerezza e che stanno facendo il loro dovere a scuola. Ma soprattutto, stanno facendo i bambini.

Allora, ci sembra giusto ringraziare questo campione che segnando un gol ci ha rivelato una lezione, trasmessa poi da don Giuseppe: «Le favole a volte accadono e quando succede il scoppia di felicità».

Ma. Lu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore