/ Calcio

Calcio | 14 aprile 2022, 20:12

Pro Patria al lavoro per affrontare il Mantova. Con una rabbia che dovrebbe essere di tutti

I tigrotti stanno facendo il loro dovere, ma non nascondono di essere contrariati per la ciliegina scesa lunedì sulla torta: l'annuncio ufficiale che non ci sarà un prossimo campionato se non arrivano compratori. Sabato potrebbe essere l'ultima partita allo Speroni e la contrarietà di ragazzi e staff dovrebbe essere condivisa e trasformata in sforzi per trovare una soluzione

Mantova-Pro Patria gara d'andata

Mantova-Pro Patria gara d'andata

Se il Mantova ha il colpo di scena - la sostituzione dell'allenatore Galderisi con Lauro, il mister che proprio dopo la partita dell'andata contro la Pro Patria era stato esonerato - i tigrotti hanno la triste conferma: quella di sabato potrebbe essere l'ultima partita allo stadio Speroni. E non solo di questa stagione.

Si stanno preparando seriamente per agguantare la salvezza matematica, anche studiando l'avversaria sabato alle 14.30 e misurandola sia per l'aspetto tecnico (ricordiamo che c'è anche un ex tigrotto come Bruccini ) sia per quello psicologico: parliamo di una squadra, con tre punti meno di noi e una preoccupazione maggiore. A livello calcistico.

I giocatori e lo staff della Pro Patria, però, nella settimana cruciale del campionato, - e lo fanno capire senza remore - hanno visto arrivare quella che vivono come la ciliegina sulla torta. E proprio come la torta preparata, scaldata e servita in questi cinque mesi, è amarissima. L'assemblea societaria in cui si è ufficializzato lo stato delle cose e in cui il presidente Domenico Citarella ha avuto dal consorzio Sgai il mandato di cercare compratori. Altrimenti Sgai non può investire nella Pro, non con i conti bloccati per l'inchiesta giudiziaria. L'avvocato Antonio Muro l'ha detto a chiare lettere lunedì invitando potenziali acquirenti a farsi avanti QUI.  

I tigrotti stanno facendo il loro lavoro. Domani mister Sala con i giornalisti parlerà della partita, di tattica e di atteggiamento, elementi fondamentali per la sfida sul campo. Ma il contesto allo Speroni è quello di una forte contrarietà di fronte a quello che sta accadendo: in queste ore più palpabile che mai. Una contrarietà che dovrebbero avere tutti, assieme alla volontà di fare ciascuno la propria parte per trovare una soluzione: soci, politica, imprenditori e cittadini.  

Da lunedì, la vita della Pro è rimasta appena a un filo, e pure fragile. I tigrotti, anche se feriti, stanno facendo il loro dovere. Uniche realtà pervenute fino a questo momento.

Ma. Lu.


Vuoi rimanere informato sulla Pro Patria e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 347 2914992
- inviare un messaggio con il testo PRO PATRIA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PRO PATRIA sempre al numero 0039 347 2914992.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore