Enogastronomia - 20 aprile 2022, 19:56

Il futuro della ristorazione sul palco di Identità Milano 2022

Torna dal 21 al 23 aprile la tre giorni dedicata ai più grandi chef e ai maestri dell’ospitalità italiana e internazionale.Tema dell’edizione è “Il Futuro è oggi”. Oltre 100 relatori da 10 diversi Paesi, 90 masterclass, 12 approfondimenti tematici, laboratori, degustazioni guidate e molto altro

Il futuro della ristorazione sul palco di Identità Milano 2022

I protagonisti della ristorazione internazionale tornano a confrontarsi sul palco di Identità Milano da giovedì 21 a sabato 23 aprile.

Dopo avere messo il lavoro al centro del dibattito nel 2021, “Il futuro è oggi” sarà il tema della nuova edizione del congresso. «Bisogna prendere atto – spiegano Paolo Marchi e Claudio Ceroni, fondatori del Congresso internazionale di cucina, pasticceria e servizio di sala – che non c’è più tempo da perdere. Basta domandarsi solamente cosa ci aspetta, a cosa andiamo incontro. Bisogna portare in noi ogni possibile futuro, cercarlo in noi stessi perché “Il futuro è oggi”. La pandemia, e con essa la catastrofe ambientale, le disparità economiche, le nuove tensioni internazionali, ci hanno posto davanti a responsabilità enormi, che accorciano i tempi e ci invitano a superare ogni indugio».

Futuro, nuove visioni, progetti e prospettive, tra cooking show e approfondimenti, saranno al centro della discussione a cui parteciperanno i grandi protagonisti della ristorazione italiana e internazionale: da Massimo Bottura a Carlo Cracco, da Antonia Klugmann a Cristina Bowerman e poi ancora Niko Romito, Enrico e Roberto Cerea, Davide Oldani... per citare solo alcuni degli oltre 100 relatori attesi sul palco del congresso.

E per due giornate consecutive si parlerà di giovani nell’ambito della nuovissima sessione “Il Futuro è loro” che andrà ad arricchire il già ricco palinsesto dei contenuti verticali dedicati alla pasta, alla pizza, al dessert, al gelato, al formaggio, ai cocktail e allo champagne.

Sul palco del congresso attesi anche personaggi del mondo della cultura, della televisione, della moda e dell’economia come il direttore creativo di Rampello & Partners Creative Studio Davide Rampello, il conduttore televisivo Federico Quaranta, il giornalista Leopoldo Gasbarro direttore di Wall Street Italia e Marco Bizzarri Presidente e CEO di Gucci.

A loro il compito di aggiungere peso specifico e profondità alla riflessione sul futuro che è già intorno a noi.

I grandi ospiti internazionali

Danimarca, Francia, Inghilterra, Irlanda, Spagna, Svizzera, Turchia; e poi ancora Emirati Arabi, Perù, Stati Uniti: sono i paesi rappresentati, insieme all'Italia, alla 17° edizione del Congresso Identità Golose Milano.

Dopo due anni, il Congresso torna ad esprimere la sua vocazione internazionale grazie alla partecipazione di grandi ospiti stranieri che condivideranno riflessioni e nuovi progetti attorno al tema "Il Futuro è oggi".

Atteso ritorno in Italia per Virgilio Martinez e Pia León, coppia nel lavoro e nella vita che a Lima guida Central e Kjolle (dove la León ha ottenuto il premio Miglior Chef Donna 2021 per la classifica 50 Best) mentre dagli Emirati Arabi arriverà Himanshu Saini, originario di New Delhi e raffinato interprete della cucina indiana al ristorante Trésind Studio di Dubai.

Folta la rappresentanza spagnola: da Eneko Atxa e Matteo Manzini, rispettivamente chef patron ed executive chef del ristorante Azurmendi in Biscaglia, a Jorge Martín, del Grupo Dani Garcia e Massimiliano Delle Vedove, alla guida di Smoked Room a Madrid; e ancora Joze Mari Aizega, general manager del Basque Culinary Center, e Dabiz Muñoz, chef del DiverXO a Madrid, fino al comasco Simone Caporale, bartender al Sips di Barcellona.

Dalla Francia sono attesi Didier Mariotti, Chef De Caves Veuve Clicquot; Victor Lugger, co-founder della catena Big Mamma, insieme ad Alberto Suardi, executive chef del gruppo, e Andrea de Michele, pizza executive chef; e ancora Matteo Casone, il giovane italiano scelto da Alain Ducasse per guidare la sua prima gelateria a Parigi, La Glace Alain Ducasse. E ancora dalla Danimarca, Søren Ledet, general manager e co-proprietario del tristellato Geranium a Copenaghen; dalla Svizzera, la giovane chef vegana Zineb Hattab del Kle di Zurigo; dalla Turchia Fatih Tutak, alla guida di Turk a Istanbul, mentre dall'Irlanda approderà in Italia Paula Stakelum, Director of Chocolate & Patissier di Red Carnation Hotels, catena internazionale di hotel presenti tra Regno Unito, Irlanda, Sud Africa, Svizzera e Usa.

Non mancheranno  alcuni fuoriclasse che rappresentano all'estero l'eccellenza italiana: Michele Casadei Massari, chef e imprenditore che dal 2009 vive e lavora a New York dove è oggi uno degli executive chef più ricercati; torneranno infine, per il secondo anno, Agostino Perrone e Giorgio Bargiani, maestri del bere miscelato al The Connaught di Londra, che si è confermato anche nel 2021 miglior bar al mondo per The World's 50 Best Bars.

I giovani

A Identità Golose 2022 tornano gli approfondimenti tematici che negli anni hanno contribuito ad amplificare il dibattito intorno alla cucina d'autore: Dossier Dessert, Identità di Gelato, Identità Cocktail, Identità di Champagne, Identità di Pizza, Identità di Pasta, Identità di Formaggio.

Nel corso della 17° edizione del Congresso, non mancheranno novità e assolute anteprime. Tra queste, il debutto del panel "Il futuro è loro", interamente dedicato ai giovani chef su cui Identità Golose ha deciso di scommettere: per due giorni consecutivi, giovedì 21 e venerdì 22 aprile, si alterneranno sul palco sedici giovani toque italiane e internazionali.

Giovedì 21, "Il futuro è loro" si aprirà con la masterclass di Davide Marzullo, alla guida di Trattoria contemporanea a Lomazzo e vincitore del S.Pellegrino Award for Social Responsibility in occasione della finale regionale Italia e Sud Est Europa della quarta edizione di S.Pellegrino Young Chef Academy Competition. 

A seguire i tre fratelli Izzo, Emanuele, Valerio e Maicol, che conducono l'insegna di famiglia a Castellammare di Stabia, Piazzetta Milù. Sarà poi la volta di Antonio Ziantoni, chef patron del ristorante Zia, imperdibile indirizzo gourmet nel quartiere di Trastevere a Roma. Nel pomeriggio salirà sul palco Zineb Hattab, che dal mondo informatico è arrivata a quello della cucina d'autore e oggi è alla guida del ristorante vegano Kle a Zurigo; a seguire Pierluigi Fais, chef di Josto a Cagliari, indirizzo di impronta contemporanea che mantiene ben saldo il legame con il territorio sardo.

In chiusura, Christian Mandura di Unforgettable, il locale che a Torino mette il vegetale al centro ribaltando la prospettiva nel piatto. Venerdì 22 aprile, la sessione "Il futuro è loro" sarà aperta da Alessandro e Filippo Billi, gemelli alla guida, rispettivamente in cucina e in sala, di Osteria Billis a Tortona, seguiti da Antonio Biafora, chef di Hyle a San Giovanni in Fiore, in Calabria. Concluderà gli interventi del mattino Fatih Tutak del Türk di Istanbul, stella nascente della cucina turca. Nel pomeriggio, sarà protagonista la cinese Xinge Liu che gestisce a Firenze, insieme al marito Lapo, Il Gusto Dim Sum, nuova espressione della cucina cinese che evolve in maniera informale e raffinata attraverso contaminazioni toscane e italiane.

Da Copenhagen arriveranno i romani Valerio Serino e Lucia De Luca, che in Danimarca si fanno apprezzare per la loro cucina a “scarto zero” al ristorante Terra. In chiusura salirà sul palco Himanshu Saini del Trésind Studio a Dubai, raffinato chef di origine indiana che con la sua masterclass arricchirà di nuovi orizzonti la panoramica internazionale dedicata alle nuove promesse della cucina d'autore.

L'area espositiva

Sempre più interessante e selezionata la partecipazione di realtà commerciali di primo piano che testimoniano la vitalità di un settore che crede nella dinamica relazione con i protagonisti della ristorazione.

Un network che negli anni si è sviluppato grazie alle numerose e coinvolgenti iniziative speciali, anteprime e occasioni di condivisione a cui i professionisti possono prendere parte all’interno del circuito espositivo. Ricordiamo, in particolare, le iniziative che vedranno coinvolti i main partner del Congresso: Acqua Panna - S.Pellegrino, 1895 by Lavazza, Berto’s, Consorzio del Parmigiano Reggiano, Veuve Clicquot e Moretti Forni. L’edizione 2022 di Identità Golose gode del patrocinio del Comune di Milano e della partecipazione della Regione Lombardia - Direzione Generale Agricoltura Alimentazione e Sistemi verdi, dell’ERSAF – Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste. 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU