Meteo e ambiente - 09 maggio 2022, 17:15

Clima Lombardia in aprile: mese fresco ma precipitazioni ancora scarse

Le rilevazioni di Arpa Lombardia attestano un mese con temperature complessivamente vicine alla media trentennale. Scarse le precipitazioni, seppur con una situazione in leggero miglioramento

Clima Lombardia in aprile: mese fresco ma precipitazioni ancora scarse

Le rilevazioni della rete di stazioni meteorologiche di Arpa Lombardia attestano un mese di aprile con temperature complessivamente vicine alla media trentennale 1991-2020, ma anche con delle differenze nell’ambito del territorio regionale, che riguardano pianura e Alpi.

Le temperature

Riguardo alla pianura, a Milano si è registrata una media delle temperature minime di -0.5 °C rispetto il periodo 1991-2020, mentre la media delle massime si attesta appena a -0.1 °C.
Via via che ci si sposta più verso est l’anomalia diventa più importante, come ad esempio a Mantova, dove la differenza del valore medio delle minime rispetto al clima si attesta a -0.8 °C, quello delle massime è di -0.7 °C.

La situazione cambia sulle Alpi, dove il mese di aprile è risultato complessivamente, seppur di poco, più mite rispetto alla norma, specie in riferimento alle temperature massime: Sondrio, per esempio, ha registrato una media delle temperature massime di +19.2 °C, un valore di +0.4 °C sul valore di riferimento. Stessa anomalia di temperatura massima anche per Edolo (BS), posta a 600 metri s.l.m.

Le precipitazioni

Scarse le precipitazioni, seppur con una situazione in leggero miglioramento rispetto ai mesi precedenti: ad aprile a Milano sono caduti 23 mm di pioggia, un valore abbondantemente sotto la media che si attesta a 86 mm. Dallo scorso dicembre, le precipitazioni cumulate mensili a Milano (ma non solo) sono risultate costantemente sotto le medie del periodo di riferimento. Un parziale sollievo per le Alpi, e quindi anche per i grandi laghi, è arrivato il giorno 23 per una perturbazione dalla Spagna, con piogge anche superiori a 30-50 mm su Alpi e Prealpi occidentali e neve abbondante oltre i 1900 metri di quota. Nel totale del mese la stazione di Colico (LC) è tra quelle che si avvicina di più alla media mensile: 58 mm registrati contro 94 mm.

Le riserve idriche

I dati sul riempimento dei laghi mostrano al 1° maggio un +10% rispetto alla settimana precedente (situazione al 24 aprile), seppur il confronto con la media 2006-2020 in questo periodo rimanga pesantemente negativo (-43.1%). Riguardo più in generale lo stato delle riserve idriche, il dato peggiore rimane quello del manto nevoso (Snow Water Equivalent – SWE), che alla stessa data registra -63.7% rispetto la media. Complessivamente, il totale della riserva idrica (laghi + invasi + SWE) si attesta al 55% sotto la media del periodo di riferimento.

Le previsioni

Nel fine settimana appena trascorso la situazione meteo si è mantenuta molto variabile e con piogge a carattere sparso e intermittente. Da oggi, si assisterà a un gradualmente un ritorno a condizioni più soleggiate e soprattutto progressivamente più miti, grazie all’espansione di un campo di alta pressione dall’Atlantico. Già da domani, infatti, le temperature massime potrebbero superare diffusamente i 25-27 °C in pianura.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU