Politica - 20 maggio 2022, 13:01

Elezioni a Cassano Magnago: presentata la squadra di Tommaso Police

Il candidato sindaco di Pd, Indipendenti e Azione alla ex chiesa di San Giulio. Presenti il senatore Alessandro Alfieri, l’ex deputato Angelo Senaldi, volti noti della politica Cassanese. Persone, punti programmatici e qualche sasso (non sassolino) tolto dalle scarpe

Tommaso Police con Mimmo Mottura, Mario Colombo e Gemma Tagliabue

Tommaso Police con Mimmo Mottura, Mario Colombo e Gemma Tagliabue

«Chi dice no all’idea di una scuola superiore qui non ha sogni, non ha ambizioni per Cassano». La presentazione della lista che sostiene Tommaso Police alle elezioni amministrative è agli sgoccioli e il candidato sindaco torna su uno dei temi più importanti del suo programma. «Sappiamo che non dipende solo da noi ma bisogna fare rete, intercettare occasioni anche da fuori».

Ad applaudire, nella ex chiesa di San Giulio, i componenti della lista che riunisce Partito Democratico, Indipendenti e Azione. Ci sono Mimmo Mottura e Gemma Tagliabue, cinque anni trascorsi in Consiglio comunale, all’opposizione, con Police. Ci sono il senatore Alessandro Alfieri e l’ex deputato Angelo Senaldi. Ci sono volti noti della politica cassanese come Luca Radice e Mauro Zaffaroni.

Serata incentrata sulle persone che si sono messe in gioco (età media 41 anni, nove uomini e sette donne, precisa Police) e sul programma: tessuto del commercio, manutenzioni (a partire da quelle stradali), urbanistica («Siamo 20mila ma divisi in cinque piazze, senza avere un vero centro» fa presente Mario Colombo, Azione, attento in particolare all'assetto della città e al tema della trasparenza in Sieco), mobilità, verde, scuole, casa delle associazioni, agevolazioni per giovani coppie e bonus bebè. Introdotto, quest’ultimo, dall’attuale amministrazione. Così Police: «Non ci vergogniamo nel confermare iniziative di altri, se positive, mentre in questi anni certe nostre proposte sono state bocciate per il gusto di dirci di no, salvo poi ritrovarle in momenti diversi».

Alfieri ha spronato il gruppo per rilanciare una Cassano «…che, mi dispiace, vedo sempre più città dormitorio» e ha sottolineato divisioni nel centrodestra che aprono scenari inediti. Senaldi ha sottolineato «…l’amore per Cassano di Tommaso, è una sua caratteristica. Per Cassano ci vuole tanto amore. Occorre ricostruire una rete di rapporti, serietà, pulizia. Studiare una campagna che porti vicino alla gente. Cassano ha vissuto, come Gallarate, un’ondata terribile, è stato scoperchiato un sistema vergognoso». Tema sul quale è intervenuto anche Mimmo Mottura (Indipendenti): «Non abbiamo mai approfittato delle vicende giudiziarie anche quando qualcuno ci suggeriva di farlo. Occorre capire le persone per come si muovono, per come agiscono». Gemma Tagliabue, 40 anni di esperienza in Comune, l’ultimo quinquennio passato nell’assemblea civica: «È stata un’esperienza pesante ma non me la sono sentita di buttare via questo impegno. Non abbiamo mai lasciato un minuto, eravamo sempre presenti. Con rispetto, e i nostri avversari ce lo riconoscono». Nonostante la sottolineatura di Mottura: «Non vengono nelle commissioni e sorridono di nascosto».

Collante fra esponenti noti e volti nuovi, ovviamente, Tommaso Police. Si guadagna il primo applauso quando afferma che «…le elezioni le vogliamo vincere». Ne incassa a ripetizione presentando i 16 candidati: professionisti, insegnanti, studenti, mix di novità ed esperienza. Parlano di sport, cultura, sociale, cura della città. Il loro slogan è riportato sui manifesti in sala: ora la svolta.

Stefano Tosi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU