/ Attualità

Attualità | 26 maggio 2022, 09:50

Da lunedì in provincia di Varese i primi pattugliamenti della polizia "armata" di taser

Dopo il via libera e il periodo di formazione la pistola a impulsi elettrici sarà dal 30 maggio in dotazione agli agenti della Questura varesina, garantendo più sicurezza e fornendo un deterrente in più nei confronti dei malintenzionati

(foto d'archivio)

(foto d'archivio)

Scatteranno lunedì 30 maggio i primi pattugliamenti degli agenti della Polizia di Stato "armati" di taser in provincia di Varese. La dotazione delle pistole a impulsi elettrici, molto utili per bloccare in sicurezza malintenzionati aggressivi, era stata deliberata nei mesi scorsi. Adesso, dopo un periodo di formazione destinata al personale, anche sulle strade di Varese e provincia si passa dalle parole ai fatti, come sta accadendo anche nel resto della Lombardia. 

Il dispositivo potrà essere utilizzato dalle forze dell'ordine in contesti particolarmente delicati che prevedono il contenimento di soggetti aggressivi o in stato di alterazione: il taser, infatti, rilasciando impulsi elettrici, provoca un blocco muscolare, rendendo il soggetto momentaneamente inoffensivo. Ma non solo: è anche un validissimo deterrente. Nella maggior parte delle occasioni la sola minaccia di utilizzare il taser fa desistere il malintenzionato da condotte aggressive.

La dotazione è quindi molto importante anche per la sicurezza degli agenti, sempre più spesso presi di mira in modo aggressivo durante il loro lavoro, scongiurando così colluttazioni o, nei casi più estremi, un improbabile utilizzo della pistola d’ordinanza. Anche lo spray urticante, presente fra le dotazioni di servizio degli agenti, non può essere usato sempre, soprattutto se ci si trova in ambiente chiusi o affollati. 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore