/ Calcio

Calcio | 31 maggio 2022, 07:20

Pro Patria, un pezzo del cuore di Busto in Nazionale. E intanto batte per la cordata

Il post di Federico Gatti con la maglia azzurra, quei fili con Chiellini e il passaggio nei tigrotti che ha fatto la differenza tocca i tifosi. E poi l'altra maglia, quella biancoblù, lo sforzo del gruppo innescato dagli sponsor per rilevare le quote da Sgai. Ieri ancora incontro in municipio, ultime febbrili ore

La maglia dei playoff lo scorso anno, un'unione di forze strepitosa, e Federico Gatti con la maglia azzurra

La maglia dei playoff lo scorso anno, un'unione di forze strepitosa, e Federico Gatti con la maglia azzurra

Nazionale. Basta la parola, anzi la maglia, sui social: Federico Gatti non ha niente da aggiungere. È la maglia che dice tutto, quella azzurra, ma anche quella della Pro.

Si sprigiona tutta la magia di questo momento di Federico innescata mica dalla preistoria, ma due anni fa, la Pro Patria punta gli occhi su questo difensore e lo vuole con sé. Quando lo sguardo lucido di Turotti lo intercetta in tutte le sue potenzialità. Quando quello ugualmente acuto di Javorcic lo vuole in campo. La favola quasi perfetta: Federico Gatti, ex Verbania, ex Pro Patria, e ora Frosinone ma già con contratto siglato in casa Juventus, va a Wembley.

Tempi delicati

Quasi perfetta, perché intanto sono ancora tempi duri, durissimi per la Pro in cerca di salvezza societaria. Ieri, testimoni hanno visto un altro incontro tra il sindaco Antonelli - impegnato si dice in un lavoro silenzioso - e la presidente onoraria Patrizia Testa che lo scorso novembre aveva ceduto il novanta per le quote a Sgai. Il consorzio napoletano ieri non ha ancora ricevuto la proposta scritta della cordata bustocca, su cui si è chiesta fin dall'inizio la riservatezza per aiutare la buona riuscita di un'operazione vitale per la Pro Patria. 

Si sa certo, come già detto, che tutto è partito da chi da sempre è vicino alla Pro, sotto forma di sponsor. Come il San Carlo Istituto clinico e C.C. Gestione Logistica. Il pullman dei tigrotti - a cui Christian Cerrone ha dedicato ogni cura - diventa a sua volta un'immagine chiave, ma anche il simbolo dell'istituto  guidato da Sara Tosi - che finora non ha né confermato né smentito la sua partecipazione - sulla panchina e sulla maglia rappresenta la fedeltà in questi anni difficili.

I principi azzurri

Resta la difficoltà dell'impresa per la cordata, di crescere e trovare l'accordo con Sgai: solo nelle prossime ore si capirà se questo gol decisivo per l'avvenire tigrotto andrà in porta, come sperano tutti.

Perché non è una favola, a differenza di quella di Federico in apparenza. Nelle fiabe ci sono i principi azzurri e, lui indossa pure la maglia azzurra. Ora, Mancini è stato impressionato da Federico. Non sappiamo quando Gatti scenderà in campo, ma senz'altro un pezzo del cuore di Busto batte in Nazionale. Per la Nazionale, sempre, ma adesso è proprio lì, nel centro dell'azione.

Anche qui, i casi della vita si rincorrono. Chiellini che si congeda da 18 anni in maglia azzurra e l'Ansa fotografa così questo momento ieri: «Aveva 15 anni, Chiellini, quando per la prima volta varcò i cancelli di Coverciano, con una rappresentativa Under 15... da allora è diventato uno dei difensori più forti al mondo e punto di riferimento per tanti compagni».

I fili che non si spezzano

Riporta indietro, tutto questo: alle parole della Pro Patria il 27 maggio di un anno fa. Annunciava «di aver ceduto a titolo definitivo al Frosinone Calcio i diritti alle prestazioni sportive del calciatore Federico Gatti. Il difensore, classe 1998, lascia la Pro Patria dopo una splendida Stagione Il Club bianco-blu, ringraziandolo per la professionalità dimostrata nell’annata appena trascorsa a Busto Arsizio, augura a Gatti le migliori fortune per il proseguo della carriera calcistica».

Un augurio, riuscito.

Questo, invece, era il saluto di Fede: «Sono arrivato a Busto Arsizio come un ragazzo giovane, alla sua prima esperienza nei professionisti e con tanta voglia di migliorare unita alla gratitudine verso la Pro Patria per l’opportunità concessa. Vado via da Busto da UOMO, con un bagaglio pieno di esperienze. Posso solo che dire GRAZIE a tutta la Pro Patria, alla Società, ai componenti dello Staff, ad ogni mio singolo compagno e a chi lavora dietro le quinte che non ci ha mai fatto mancare nulla».

Roba da augurargli di diventare il difensore più forte del mondo. Ma intanto viene da dirgli: forza Federico, quella maglia azzurra ha un tassello bianco e blu. È quello della maglia dei playoff un anno fa, in cui c'erano tutto il passato, il presente e il potenziale futuro dei tuoi tigrotti: l'ultima volta che è sceso in campo per Busto.

Marilena Lualdi


Vuoi rimanere informato sulla Pro Patria e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 347 2914992
- inviare un messaggio con il testo PRO PATRIA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PRO PATRIA sempre al numero 0039 347 2914992.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore