/ Economia

Economia | 30 giugno 2022, 16:59

«Impatto grave sull’agricoltura mentre i costi di produzione salgono alle stelle»

Continuano a soffrire le colture in campo: tagli di fieno dimezzati, -30% per miele e cereali. Problema comune all’intera Lombardia, le considerazioni della Coldiretti provinciale

«Impatto grave sull’agricoltura mentre i costi di produzione salgono alle stelle»

Dal -30% sulle rese di frumento e orzo fino al 40% sui foraggi che servono all’alimentazione degli animali, ma si temono produzioni quasi dimezzate anche per il mais e la perdita di un terzo del riso. È questo l’impatto che la siccità sta avendo sulle produzioni lombarde secondo le stime della Coldiretti regionale, mentre nelle stalle le mucche stressate dal caldo afoso stanno producendo fino al 20% in meno di latte.

In provincia di Varese già si contano cali fino al 50% sui tagli di fieno, mentre anche la raccolta del miele di acacia è in flessione di circa il 30% su un’annata media e iniziano ad essere in sofferenza granturco ed erba medica: «Un’annata difficile dal punto di vista climatico che si aggiunge alle già evidenti problematiche sul fronte dei rincari energetici e dei costi di produzione. Senza dubbio, quest’anno le imprese spenderanno molto di più per raccogliere molto meno: va da sé che la situazione è insostenibile» commenta il presidente della Coldiretti provinciale Fernando Fiori.

«La situazione è comune a tutte le province lombarde: senza acqua non è possibile garantire le produzioni di cibo. È quindi indispensabile che venga messo in pratica tutto quanto si può fare per tentare di salvare il salvabile. Ci auguriamo che possa diventare operativo quanto prima l’accordo con i gestori degli impianti idroelettrici del Trentino preannunciato dal presidente Fontana. A questo proposito ringraziamo il Governatore e gli assessori regionali che sono impegnati ad affrontare questa situazione estremamente difficile e complessa su più fronti».

Le produzioni agricole – continua Coldiretti Varese – sono messe a dura prova da una siccità che non si registrava da tempo e che si prefigura addirittura peggiore di quella del 2003. Le ultime piogge cadute sulla regione, infatti, non hanno risolto la situazione. Nonostante una risalita dei livelli di appena 30 centimetri al Ponte della Becca (Pavia) il Po è praticamente irriconoscibile – evidenzia la Coldiretti - con una grande distesa di sabbia che occupa la gran parte del letto del fiume, mentre i grandi laghi del nord che servono come riserve di acqua per le popolazioni e l’agricoltura sono ancora ai minimi, con il Maggiore pieno solo al 26% e quello di Como sceso a poco più dell’11% con una tendenza al calo dei livelli che riguarda anche il Garda che resiste a poco più del 54% di riempimento.

La situazione è difficile in tutto il Paese e il conto dei danni dovuti alla siccità nelle campagne italiane è ormai salito a 3 miliardi di euro. Solo nel bacino della pianura padana è minacciato il 30% dell’agroalimentare Made in Italy e la metà dell’allevamento che danno origine alla food valley italiana conosciuta in tutto il mondo.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore