/ Territorio

Territorio | 25 luglio 2022, 08:56

Una coppia di rondini nidifica a Vedano Olona

Fatto inusuale e del tutto speciale: è la presenza più a sud della provincia di Varese. Non si esclude una seconda covata prima della stagione fredda

Una coppia di rondini nidifica a Vedano Olona

Lo scorso 18 luglio è stata accertata la nidificazione di una coppia di Rondine montana in una via del centro storico di Vedano Olona: è la presenza più a sud della provincia di Varese.

Su segnalazione del Sindaco, Cristiano Citterio, e della GEV emerita Margherita Martignoni, il Gruppo Insubrico di Ornitologia OdV, tramite il socio Silvio Colaone, ha effettuato un accurato sopralluogo e stilato un verbale oltre che dato numerosi consigli su questa specie non così comune dalle nostre parti.

La Ptyonoprogne rupestris, questo il suo nome scientifico, nell’ultimo censimento provinciale 2003/2005 era stata rilevata come nidificante nel territorio varesino dell’alto Verbano e nel Ceresio. Negli anni successivi alcune coppie si sono stabilite anche nella città di Varese con segnalazioni di presenza anche nei comuni limitrofi. Sono le uniche rondini che riescono anche a svernare in piccole colonie come ormai consueto nella città di Bergamo.

La Rondine montana nutrendosi prevalentemente di piccoli insetti nocivi o fastidiosi per l’uomo è una specie protetta dalle normative europee e nazionali, come previsto dalla Convenzione di Berna e dalla Legge Regionale 26/1993, con severe sanzioni per chi le disturba.

A volte le coppie, in periodo di svezzamento dei piccoli nel nido, diventano particolarmente territoriali difendendo l’area intorno al nido con finti attacchi ad animali o persone che transitano nell’area sottostante il nido. Queste velocissime evoluzioni a picchiata, che passano anche vicinissime alle teste dei passanti, possono creare spavento e disagio a chi non ha consapevolezza della loro presenza e del loro particolare comportamento ma ovviamente non sono per nulla pericolose. Queste abitudini difensive sono notevolmente smorzate nelle località dove si sono formate piccole ma strutturate colonie.

Ad oggi nel nido sono presenti dei pulli, così si chiamano i piccoli non ancora autonomi, che dovrebbero involarsi tra circa una settimana.

Non si può escludere però una seconda covata prima della stagione fredda. Poiché la nidificazione delle rondini, balestrucci e rondoni è segno di un ambiente sano e di buon equilibrio ecosistemico. «Dobbiamo andarne orgogliosi e fare di tutto per proteggerli».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore