informazioneonline.it - 19 agosto 2022, 20:53

Al tramonto del Tour du Limousin spunta un'Alba(nese) di gloria per la Eolo-Kometa

Nell'ultima tappa della corsa francese Vincenzo Albanese trionfa dopo 6 anni: «Rivedo gli anni bui in cui ho toccato il fondo prima di arrivare alla Eolo-Kometa. E poi vedo l’ultimo anno e mezzo quando sono sempre andato forte ma ho sempre solo sfiorato la vittoria»

Foto Sprint Cycling

Foto Sprint Cycling

Le vittorie non sono tutte uguali. Ogni vittoria è, a modo suo, bella e indimenticabile. Unica ed emozionante. Potente e capace di lasciarti senza fiato. Questa vittoria all'ultima tappa dell'edizione numero 55 del Tour du Limousin con arrivo a Limoges, la vittoria di Albanese, è arrivata con la forza dirompente di qualcosa atteso per troppo tempo e per troppe volte sfiorato, è arrivata a ricordarci quanto è bello vincere e a dare un senso a ogni sacrificio e ogni giorno di lavoro.

Dovremmo raccontare com’è andata, del primo attacco di Fedeli e poi della rasoiata decisiva di Albanese che ha avuto il coraggio di provarci a 1,5 km dalla fine: è andato via e non l’hanno più ripreso, è andato via con la forza di chi ci crede e di chi non avrebbe accettato un altro piazzamento. Una vittoria che ha spazzato via le delusioni, le vittorie sfiorate, i secondi posti, le beffe sulla linea del traguardo.

Dovremmo raccontarvi della festa, perché in un Tour du Limousin dal livello altissimo vincere non era facile e una vittoria così è da festeggiare e basta. Da festeggiare tutti insieme: da Alba in giù, perché è così che fa una squadra.

Vincere è bellissimo. Farlo tutti insieme, è la cosa più bella del mondo.

«Sono troppo, troppo felice - dice Albanese - Mi guardo indietro, rivedo gli anni prima di arrivare alla Eolo-Kometa che per me sono stati i più bui, gli anni in cui ho toccato il fondo. E poi vedo l’ultimo anno e mezzo quando sono sempre andato forte ma ho sempre solo sfiorato la vittoria: ho fatto venticinque piazzamenti su sessanta corse. E adesso, finalmente. Credo che domani mattina mi renderò davvero conto di avere finalmente vinto, ma anche adesso è bellissimo».

E Alba ci racconta com’è stato quell’ultimo chilometro. «Se fossimo arrivati in volata, avrei fatto un altro piazzamento: di un terzo, quarto posto non me ne facevo nulla e allora ho deciso di provarci. O vinco, o arrivo cinquantesimo. Sapevo che avrei dovuto guadagnare subito perché alla fine il gruppo avrebbe sicuramente rimontato, ecco perché continuavo a voltarmi: ho visto che avevo un buon vantaggio, che gli altri si guardavano, e allora ho dato tutto anche se quel chilometro non finiva più. E questa volta, è andata benissimo».

E alla fine, una dedica speciale: «A mia suocera, che sta passando un brutto momento. E alla mia famiglia che mi ha sempre sostenuto».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU