/ Cronaca

Cronaca | 31 ottobre 2022, 17:39

Immigrazione clandestina a Malpensa, due casi in poche ore

La polizia di frontiera dello scalo in un giorno ha sventato due elaborati tentativi di aggirare le norme sull'immigrazione. In un caso al centro del raggiro c'era un minorenne

Immigrazione clandestina a Malpensa, due casi in poche ore

Nell’ambito dell’attività di prevenzione dei flussi di immigrazione clandestina, legati all’utilizzo di documentazione falsificata, l’Ufficio della Polizia di Frontiera di Malpensa ha proceduto a mirati controlli sui passeggeri in arrivo da aree geografiche considerate ad elevato rischio immigrazione clandestina.

Nell’ambito di questa attività capillare di monitoraggio, lo scorso 29 ottobre sono stati tratti in arresto, in flagranza di reato, per due distinti episodi, un cittadino dello Sri Lanka ed un cittadino del Pakistan per avere favorito l’immigrazione irregolare di due connazionali, di cui uno minore, aggravata dall’utilizzo di documentazione falsificata o comunque irregolare.

Il primo arresto è stato effettuato a seguito di un servizio di osservazione discreta, con operatori in borghese, sui passeggeri di etnia srilankese in arrivo da Doha ed ha consentito di individuare un cittadino dello Sri Lanka che, dopo avere atteso la discesa dal volo di una connazionale, l’ha accompagnata, tenendosi a debita distanza e dandole istruzioni, verso la linea di controllo documentale.

Mentre la cittadina dello Sri Lanka si presentava sulla linea dei controlli documentali, risultando sprovvista di documenti, l’uomo, regolare sul territorio italiano, ha superato gli stessi per recuperare i bagagli da stiva. La donna è stata, invece, accompagnata presso gli uffici investigativi per ulteriori approfondimenti.

Gli operatori che hanno seguito l’uomo, avvertiti della presenza di una donna sprovvista di documenti, hanno proceduto a controllare l’uomo che, con fare nervoso ed agitato, ha dichiarato di essere appena arrivato e di viaggiare da solo. Ipotizzando che, secondo un modus operandi già noto agli operatori dello scalo di Malpensa, l’uomo potesse avere concorso attivamente all’arrivo irregolare della donna, si è quindi proceduto ad ulteriori riscontri negli uffici di Polizia.

La successiva perquisizione, effettuata sui suoi effetti personali permetteva di rintracciare i documenti falsi (passaporto dello Sri Lanka, permesso di soggiorno e carta di identità italiani) utilizzati per far partire la donna dal proprio paese di origine e raggiungere illegalmente l’Italia.

In un ulteriore bagaglio veniva, inoltre, è stata trovata la copia del reale passaporto della straniera che faceva istanza di protezione in Italia confermando i dati anagrafici riportati sul proprio passaporto rinvenuto dagli operatori. La documentazione era stata nascosta dal cittadino dello Sri Lanka nel vano tentativo di impedire alla Polizia di Frontiera di risalire alle esatte generalità della donna e ricostruirne la tratta area seguita.

Nella stessa giornata l’attività di costante monitoraggio ha consentito di individuare un ulteriore favoreggiatore all’immigrazione clandestina che è stato anch’egli tratto in arresto. Nello specifico gli operatori hanno rintracciato un bambino pachistano, in possesso di un permesso di soggiorno spagnolo, che nonostante l’età di 11 anni, riportata sui documenti, dichiarava di essere giunto da solo da Jeddah (Arabia Saudita).

Poiché la normativa internazionale consente ai minori di 15 anni di viaggiare solamente se a carico del vettore oppure se affidati ad un adulto, è stata contattata la compagnia aerea che ha confermato la presenza a bordo, unitamente al minore pachistano, di un adulto che ne aveva la custodia. L’attività di riscontro, avviata immediatamente dagli uffici investigativi, ha permesso di rintracciare il cittadino adulto nel salone arrivi subito dopo i controlli di frontiera e doganali, dopo che lo stesso aveva abbandonato il minore.

L’attività di Polizia Giudiziaria ha consentito, non solo di identificare il cittadino pachistano, ma anche di accertare che la documentazione esibita dal minore era appartenente ad altra persona. Lo stesso ha infatti dichiarato altre generalità asserendo di essere un quattordicenne.

Durante le fasi di perquisizione, è stata confermata l’attività delittuosa posta in essere dall’adulto che aveva occultato, nel proprio bagaglio, documentazione inequivocabilmente riconducibile al minore.

Al termine dell’attività di Polizia il minore è stato accompagnato presso il Pronto Intervento Minori di Milano come concordato con la Procura presso il Tribunale per i Minorenni. Si è proceduto così, inoltre, all’arresto sia del cittadino pachistano che veniva associato alla casa circondariale di Busto Arsizio, sia del cittadino dello Sri Lanka, entrambi, per fatti diversi, messi a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore