ELEZIONI REGIONALI LOMBARDIA 2023
 / Politica

Politica | 18 gennaio 2023, 20:13

Regionali, Zappamiglio apre la campagna elettorale: «Insieme si vince. Faremo un grande risultato»

Parte la sfida del sindaco di Gorla Maggiore, in corsa con Forza Italia per il Consiglio regionale. La sua campagna elettorale si è aperta insieme a tanti amici (oltre un centinaio tra amministratori del territorio, militanti e semplici cittadini). L’impegno per infrastrutture e comunità energetiche

Regionali, Zappamiglio apre la campagna elettorale: «Insieme si vince. Faremo un grande risultato»

Pietro Zappamiglio ha aperto ufficialmente la sua campagna elettorale in vista del voto regionale del 12 e 13 febbraio. E lo ha fatto insieme a tanti amici – oltre un centinaio tra amministratori del territorio, militanti e semplici cittadini – al ristorante Dina della “sua” Gorla Maggiore.

«Oggi per me è una giornata importante – ha esordito il candidato di Forza Italia –. Parte una grande sfida che mi può dare l’opportunità di fare bene non solo per questa comunità, ma per la Lombardia e in particolare per la provincia di Varese».
Ad affiancare il sindaco di Gorla Maggiore c’era la sua squadra di consiglieri e assessori: Silvio Landonio, Susy Pozzato, Federico Terreni, Antonio Agostino Ninone, Renato Grazioli, Annalisa Macchi, Antonella Scolfaro.
Presenti anche i vertici locali del partito: Giuseppe Taldone, commissario provinciale facente funzioni, Rosa Tagliani, responsabile provinciale di Azzurro Donna, ma anche il commissario di Gallarate Nicola Mucci, oltre ad altri candidati e militanti.

Per Zappamiglio si tratta della seconda candidatura alla regionali: «Nel 2018 presi oltre duemila preferenze, frutto di un grande lavoro – ha ricordato –. Oggi ci è richiesta una nuova sfida in un tempo brevissimo. Ed è una sfida importante per portare il modello Gorla Maggiore in Regione Lombardia. Dobbiamo fare il possibile per ottenere una vittoria che non sarà solo la mia. Da solo non riuscirò a vincere questa sfida. Dobbiamo ritrovare la forza e l’unità. Il risultato è raggiungibile, dipende da noi».

I temi

Per quanto riguarda i temi, Zappamiglio si è soffermato sulla «valorizzazione del territorio della provincia di Varese». Partendo dalle infrastrutture, con una particolare attenzione per la Pedemontana: «Nei primi sei mesi del mandato – è l’impegno – ci deve essere l’attuazione dell’inizio della seconda parte dei lavori. E il pedaggio deve essere adeguato». Un altro argomento è quello delle comunità energetiche: «Sono fondamentali – ha insistito – perché hanno una ricaduta sociale. La Regione deve mettere a disposizione di enti locali, famiglie e industrie fondi e consentire una vera semplificazione e sburocratizzazione».

Il sostegno

La squadra dei “suoi” amministratori ha sottolineato lo «spirito di servizio nell’amministrare la nostra comunità» e la «grande umanità e competenza» di Zappamiglio.
L’eurodeputato Massimiliano Salini, in collegamento da Strasburgo, ha parlato di «un’avventura piena di sfide che vanno oltre la politica. Ci sono la guerra e una crisi feroce: in questi tempi, la candidatura di Pietro in una delle regioni più importanti d’Europa ha un grande valore. In questa buona battaglia parte da favorito. Si deve sapere che un voto dato a lui è un voto utile dato a una persona che può davvero essere eletta».

Anche da parte del commissario Taldone, un in bocca al lupo a «Pietro, interprete con tutta la sua storia dei nostri valori».
Era presente anche il parroco don Valentino Viganò, che negli anni ha potuto osservare come il primo cittadino viva con passione la politica, che «è la forma più alta di carità».

«Voglio fare un risultato straordinario in provincia di Varese – ha concluso Zappamiglio –. Andiamo casa per casa. La squadra è fondamentale: insieme si vince e faremo un grande risultato».

Informazione politico-elettorale

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore