27enne già noto alle forze dell’ordine
Cancella WhatsApp per evitare che la Polizia legga i messaggi, arrestato spacciatore

Spacciatore in bicicletta intercettato in viale Boccaccio dalla Volante della Polizia. In casa nascondeva 100 grammi di marijuana

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Spacciatore in bicicletta intercettato in viale Boccaccio dalla Volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio. Erano circa le 17 della domenica di Ognissanti quando la pattuglia ha notato, in sella a una bici, un ventiseienne ucraino residente in città, volto già noto ai poliziotti perché più volte denunciato o arrestato per spaccio di “erba” soprattutto nella zona delle stazioni ferroviarie. Il giovane, appena vista la Volante, ha tentato di allontanarsi spingendo sui pedali ma ha soprattutto cominciato ad armeggiare freneticamente con il cellulare. Gli agenti lo hanno subito fermato e, controllando il telefonino, hanno constatato che aveva appena disinstallato l’applicazione WhatsApp. Sospettando che ciò fosse finalizzato a cancellare qualche chat compromettente, i poliziotti sono riusciti a reinstallare l’applicazione recuperando i messaggi più recenti, verificando che l’argomento trattato era il prezzo e la qualità della “maria” che l’ucraino aveva venduto ai suoi clienti. A questo punto è scattata la perquisizione personale, che ha fatto trovare addosso al giovane circa 7 grammi tra hashish e marijuana e soprattutto la somma di circa 600 euro – giustificabile solo come provento di spaccio visto che il ventiseienne è cronicamente disoccupato e vive di espedienti – seguita da quella del domicilio. Qui sono stati trovati altri 100 grammi di marijuana, in parte già divisa in dosi pronte per essere vendute. Inevitabile l’arresto del ventiseienne per detenzione ai fini dello spaccio.

Copyright @2020