ALBERTO PISONI A NOME DI OLGIATE INSIEME
“È necessario intervenire realmente per supportare la comunità”

Gli esponenti del Gruppo Olgiate Insieme rinnovano la richiesta di mettere in atto agevolazioni finanziarie per le attività colpite dalla crisi legata alla pandemia

Loretta Girola

olgiate olona

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Le nuove misure restrittive varate dal governo per far fronte all’emergenza sanitaria avranno, inevitabilmente, anche ricadute economiche sulle attività olgiatesi, già fortemente provate da quanto accaduto nella prima metà dell’anno; per questo gli esponenti del Gruppo Olgiate Insieme hanno voluto rinnovare la richiesta di mettere in atto agevolazioni finanziarie per le attività colpite dalla crisi.

“Il contesto socio-economico attuale richiama tutti gli amministratori pubblici ad interventi precisi e mirati di tangibile e coerente sostegno alle imprese, commercianti e famiglie, per alleggerire il più possibile la pressione fiscale – spiega Alberto Pisoni – nel nostro programma elettorale abbiamo sottolineato che gli olgiatesi pagano molte tasse e troppo alte e anche come opposizione ci batteremo affinché le nostre proposte vengano recepite (anche nel 2019 abbiamo avuto un avanzo di oltre 300mila€).
La crisi economica in atto si sta via via ampliando per il protrarsi dell’emergenza sanitaria, e ora, lo abbiamo sempre detto, cominciano i veri problemi.
Già da questa primavera, Olgiate Insieme aveva proposto all’Amministrazione Comunale di intervenire, evidenziando la possibilità di ridurre realmente TARI, IMU e addizionale IRPEF. A seguito di questa richiesta era stata indetta una riunione, poi aggiornata per avere dati più precisi e definire gli interventi.

In spregio allo spirito collaborativo e di responsabilità amministrativa, che il nostro gruppo politico ha dimostrato quale opposizione trasparente e costruttiva, nella seduta consiliare del 29 settembre l’Amministrazione Comunale ha portato ad approvazione in Consiglio Comunale solo una riduzione TARI della parte variabile del 25% per alcune attività.
Tutto ciò è insufficiente e ingiusto per tante attività che vanno a penalizzare famiglie di olgiatesi.
Bellissima notizia: in data 1° ottobre 2020, il Governo ha rinviato al 31 ottobre la possibilità di approvare i Bilanci di Previsione degli Enti Locali e, con essi, le aliquote e le tariffe.
Per questo motivo, ed a fronte della risalita dei contagi e di una situazione economica in prospettiva pesantissima soprattutto per alcuni settori, chiediamo con forza di rivedere le scelte tributarie compiute. Noi dobbiamo agire per non penalizzare i più deboli e la riduzione del 25% approvata si riferisce solo ai 3 mesi di lockdown; è necessaria un’azione differente.

Ecco perché noi proponiamo l’estensione della riduzione TARI per le attività penalizzate anche alla parte fissa, la possibilità della riduzione TARI del 20% per chi accetta la domiciliazione bancaria, come previsto dalla legge, la riduzione delle aliquote IMU e dell’addizionale IRPEF.
Ricordiamo che, ad oggi, il Comune di Olgiate Olona non ha speso un euro di sua tasca per le agevolazioni e riduzioni previste, ma ha attinto unicamente ai trasferimenti disposti dagli enti superiori (Regione e Stato).
È ora di affiancare alla politica delle foto con taglio dei nastri anche una seria politica di riduzione delle spese della Pubblica Amministrazione e di una netta riduzione della pressione fiscale; è una questione di scelte, peraltro compiute anche da Comuni limitrofi.
Ribadiamo la disponibilità del nostro gruppo, entro il 31 ottobre, ad elaborare un piano congiunto di riduzione della pressione fiscale, e invitiamo la maggioranza ad affrontare questi temi con onestà e preparazione e a superare questo atteggiamento di chiusura nelle mura del palazzo, occupata solo a spendere pur di spendere, ignorando le proposte dell’opposizione propositiva portavoce del 40% della cittadinanza, che vive la vera vita della comunità.
Questo non è il momento di piantare bandierine; questo è il momento di una politica seria che venga incontro al cittadino e alle attività in maniera omogenea”.

Copyright @2020