ARTE, MUSICA E LETTERATURA
“La cultura va…oltre”, concerti ed eventi per tutto il mese di settembre

Al via la rassegna culturale. Tra gli eventi in programma, il concerto del musicista di fama internazionale Vincenzo Vitello e della violinista Lena Yokoyama, nota per la sua esibizione sul tetto dell'ospedale di Cremona

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Dopo il successo degli eventi estivi, la cultura non si ferma e va “oltre”, rilanciando nuove iniziative per tutto il mese di settembre, all’insegna della musica, della letteratura e dell’arte, sempre nel rispetto delle misure di sicurezza.

“Archiviata questa programmazione culturale inedita estiva, ci siamo subito attivati per offrire cultura ad alti livelli – osserva il vicesindaco e assessore alla Cultura, Manuela Maffioli ritrovarci tutti insieme con la cultura dal vivo è stata una conquista di vita oltre che un arricchimento. La conferma che la cultura resta un bisogno profondo dell’individuo ci ha spinti a lavorare insieme al tavolo dell’assessorato e alle associazioni per andare oltre, con una programmazione settembrina leggermente diversa. Andiamo incontro ad una stagione che ci consentirà di continuare a fruire della cultura, senza abbassare la guardia, confermando tutte le misure di sicurezza”.

Tra gli eventi clou della nuova edizione di “BA Cultura per l’estate… oltre” ci sarà il “Concerto per Busto Folk” che vedrà protagonista un musicista di fama internazionale, Vincenzo Zitello, in programma il 12 settembre, al giardino quadrato del Museo del Tessile (ingresso gratuito su prenotazione) a cura di Accademia di danze irlandesi Gens D’Ys con la collaborazione dell’associazione musicale Rossini: “Quest’anno non abbiamo potuto svolgere il festival Busto Folk perché prevede la partecipazione di artisti da tutta Europa ma non abbiamo mollato il colpo e, in collaborazione con l’accademia Rossini, abbiamo organizzato questo concerto con un artista conosciuto a livello mondiale – ha spiegato Umberto Crespi dell’Accademia Gens D’Ys-  stiamo valutando la possibilità di fare un doppio concerto la sera stessa viste le numerosissime richieste”.

La capienza sarà di circa 170 persone. L’associazione musicale Rossini è coinvolta nell’iniziativa dal punto di vista formativo con l’inserimento di un nuovo strumento musicale, l’arpa celtica.

Altro evento che catalizzerà un pubblico numeroso è il concerto della violinista Lena Yokoyama, nota per la sua esibizione sul tetto dell’ospedale di Cremona e il Torrazzo durante il lockdown, previsto per il 27 settembre, alle 20,30, al giardino quadrato del Museo del Tessile, nell’ambito della Festa del Ringraziamento.L’evento è organizzato da Musikademia, con la collaborazione dell’associazione musicale Rossini e il supporto di De Piante Editore.

Giovedì 17 settembre, “Io s(u)ono di Busto”, vedrà l’esecuzione di musica live in contemporanea in 14 bar del circuito Schiariamocileidee, nato dopo il lockdown: “Si sono uniti 14 locali di Busto per darsi moralmente un aiuto – spiega Enzo Giuliano – siamo diventati un gruppo coeso e abbiamo pensato ad un’iniziativa che avviene per la prima volta in Italia e propone ai clienti due ore di musica in contemporanea nei locali coinvolti”. L’iniziativa è in collaborazione con Nuova Busto Musica: “Mettere insieme arte e commercio è uno scambio reciproco l’unione fa la forza”, osserva Cesare Bonfiglio.

Non mancheranno concerti di musica classica proposti dall’associazione musicale Rossini e da Musikademia: venerdì 18 settembre alle 21, Notturno in Musica, a Villa Ottolini Tosi, a cura di associazione musicale Rossini; venerdì 25 settembre alle 21, Recital del Quartetto Cècile, sempre a Villa Ottolini Tosi, a cura di Musikademia).

Continueranno gli incontri con autori del territorio nel giardino della Sala Monaco della Biblioteca, promossi da alcune librerie cittadine: (mercoledì 9 settembre, Federica Brunini,il 16 Simone Merlotti e il 23 Francesco Pellicini).

Per quanto riguarda l’arte sono previsti a Palazzo Cicogna l’installazione di un’opera di Fiber art e una nuova mostra nell’ambito della rassegna “Uno spazio per l’arte”.

All’organizzazione degli eventi hanno dato un importante contributo la Protezione Civile ed Agesp Strumentali. “Abbiamo voluto dare la giusta attenzione anche agli aspetti tecnici di cui bisogna tenere conto anche nel settore culturale”, sottolinea il presidente di Agesp, Attività Strumentali, Alessandro Della Marra.

“Il concetto di rete – conclude Maffioli ringraziando i copromotori delle varie iniziative – è la nostra bussola attraverso cui dare un offerta di altissimo livello che coinvolga la città. Questo sforzo congiunto è un esempio grande e un atto d’amore verso la nostra Busto”.

Copyright @2020